Invalidità civile al 100%: quali benefici per chi percepisce già la pensione?

Ecco tutti i benefici cui hanno diritto gli invalidi al 100% anche se non percepiscono pensione di invalidità percependo quella di vecchiaia.

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
Ecco tutti i benefici cui hanno diritto gli invalidi al 100% anche se non percepiscono pensione di invalidità percependo quella di vecchiaia.

Salve mi hanno riconosciuto invalidità civile al 100% ma ho già la pensione di lavoro. Ho 75 anni e mi hanno detto che non mi spetta nulla avendo già la pensione di vecchiaia, allora a cosa serve?

Grazie mille.

Anche  se è già pensionato ci sono molti benefici connessi al riconoscimento dell’invalidità civile.

Innanzitutto gli invalidi al 100% hanno il diritto alla fornitura di assistenza protesica, all’esenzione del ticket per visite specialistiche, esami ematochimici e diagnostica strumentale ma anche all’esenzione del ticket per l’acquisto dei farmaci. Ma vi sono anche numerose agevolazioni fiscali cui l’invalidità da diritto.

Agevolazioni fiscali disabili

Le agevolazioni fiscali per i disabili sono molteplici e sono applicabili in diverse materie.

Per quel che riguarda l’automobile è possibile l’acquisto di un’auto con Iva agevolata e la detraibilità del 19% della spesa sostenuta nell’acquisto. Per approfondire leggi anche:Disabili: dicitura ‘deambulazione sensibilmente ridotta’ per acquisto auto, quali agevolazioni?

E’ possibile, inoltre, portare in detrazione gli ausili destinati a persone invalide che godono dell’applicazione dell’IVA agevolata al momento dell’acquisto e, in taluni casi, la spesa sostenuta può essere detratta, nella misura del 19%, in sede annuale di dichiarazione dei redditi.

L’Iva agevolata può essere applicata anche all’acquisto di ausili tecnici ed informatici, come ad esempio computer, fax, smartphone che possono favorire l’autonomia personale del disabile. Per approfondire leggere anche: Regali di Natale 2017 con 104: computer e smartphone con IVA al 4%?

Dal reddito è possibile dedurre, inoltre, le spese sostenute per l’assistenza specifica resa da personale medico e sanitario (anche terapisti), a persone con handicap. Stessa deduzione è possibile anche per le spese sostenute per badanti e colf. Leggi anche:730 2016: deduzione spese colf e badanti

Altre agevolazioni

Per quel che riguarda la telefonia fissa la normativa vigente prevede che agli anziani, persone disabili e utenti “con esigenze sociali speciali” venga riconosciuta una riduzione del 50% sul canone mensile di abbonamento. Vengono tuttavia previsti dei limiti reddituali per poter accedere a tale beneficio. Per la telefonia mobile è previsto, invece, che per gli invalidi non sia dovuta la tassa di concessione governativa.

Beneficio mobilità invalidi

Le persone con invalidità hanno, inoltre, diritto di vedersi riconoscere l’idoneità alla guida, magari con l’obbligo di adattamenti per condurre il veicolo. Tali adattamenti prevedono un contributo del 20% per la spesa sostenuta la cui domanda va presentata alla propria ASL.

Per le “persone invalide con capacità di deambulazione impedita, o sensibilmente ridotta” e per i non vedenti è possibile ottenere, il cosiddetto “contrassegno invalidi” o “contrassegno arancione”. Leggi anche per approfondire: Contrassegno disabili auto: chi ne ha diritto, come ottenere il rilascio, rinnovo e duplicato

In alcuni casi per le persone invalide, con legge 104, è prevista anche l’esenzione dal pagamento del bollo auto. Per approfondimenti leggi anche:Bollo auto disabili: esenzione permanente dal pagamento.

Per dubbi e domande contattami: [email protected]

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Lettere, Welfare e previdenza, Pensione Invalidi