Invalidità, 104, pensioni e diritti: l’Italia gretta che vuol sempre approfittare

Diventare un popolo meno egoista aiuterebbe chi ha davvero bisogno dei servizi dello Stato.

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
Diventare un popolo meno egoista aiuterebbe chi ha davvero bisogno dei servizi dello Stato.

Di solito rispondo ai quesiti di chi mi scrive, la maggior parte della gente è davvero in difficoltà: disabili che non riescono ad ottenere una pensione di accompagnamento, malati oncologi cui non viene riconosciuta l’invalidità, diabetici insulinici cui non viene riconosciuta la legge 104, disoccupati che non riescono ad accedere alla pensione pur essendo senza reddito…

Le situazioni borderline in Italia sono moltissime e rispondendo alle migliaia di quesiti che mi arrivano ogni settimana mi rendo conto di quante sono senza soluzione e mi sento impotente non potendo dare la risposta che vorrei, la soluzione che risolva magicamente i problemi di quanti chiedono il mio aiuto.

Ma poi ci sono i quesiti di coloro che già fruiscono di benefici e scrivono per capire se possono averne altri, per capire come “fregare il sistema”, per andare in pensione con tale beneficio utilizzando degli escamotage. C’è gente che mi scrive per sapere come far avere il bonus Renzi ai propri dipendenti anche quando non spetta…

Ed è questa Italia truffaldina, gretta, che vuole in ogni caso sempre approfittare delle situazioni per trarre il maggior beneficio possibile per se stessi che fa in modo che poi, a chi spettano davvero i benefici vengano negati.

Non siamo un popolo di persone altruiste, non pensiamo mai che prendendoci benefici che non ci spettano li neghiamo a qualcuno che ne ha davvero bisogno e vi garantisco che nel mio piccolo di gente bisognosa ne ho vista davvero tanta e quando non posso aiutarla mi sento davvero con le mani legate.

Smettiamola dunque di volere sempre più di quel che abbiamo, cerchiamo di pensare a chi versa in condizioni di reale bisogno, pensiamo a chi è davvero invalido, a chi ha davvero bisogno della legge 104, a chi senza lavoro ha bisogno di accedere alla pensione e magari non ci riesce per mancanza di risorse, cerchiamo nel nostro piccolo di diventare un popolo altruista e forse l’Italia potrebbe (dico potrebbe perché so che non dipende solo dai miei lettori) davvero diventare un Paese migliore. Ma credo che quello che conti davvero per ognuno di noi sia diventare persone migliori per noi stesse. Questo è il mio personale appello per tutti coloro che mi scrivono, che chiedono il mio aiuto e i miei consigli.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti”

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Welfare e previdenza