VOUCHER BABY SITTER

Inps, voucher baby sitter e bonus bebè a sostegno della maternità

Bonus bebè da 80 euro al mese e nuovo voucher baby sitter da 600 per le lavoratrici statali dal prossimo anno

di Alessandra Caparello, pubblicato il
Bonus bebè da 80 euro al mese e nuovo voucher baby sitter da 600 per le lavoratrici statali dal prossimo anno

Novità in arrivo per le lavoratrici che sono appena diventate mamma o che intendono diventarlo a breve. Il governo Renzi con la legge di stabilità, in dirittura d’arrivo, ha previsto l’erogazione del cosiddetto bonus bebè, un assegno di 80 euro al mese per le neomamme per figli fino a tre anni. Ma le novità in favore della maternità, soprattutto in relazione all’annosa questione della conciliazione tra il mestiere di mamma e quello di lavoratrice, è l’erogazione del voucher baby sitter anche alle lavoratrici statali, aumentato da 300 a 600 euro.

Voucher baby sitter nella legge Fornero

Partendo dal voucher baby sitter, un aiuto per le donne introdotto dalla riforma del lavoro Fornero, la legge n. 92 del 2012,  esso è un buono erogato dall’Inps per pagare la baby sitter o un contributo, pagato sempre dall’Inp,  per sostenere la retta dell’asilo nido per la madre lavoratrice da richiedere dopo il periodo di astensione da lavoro per il congedo di maternità e comunque entro 11 mesi seguenti in alternativo al congedo stesso. Sono ammesse al voucher baby sitter o asilo nido,  anche le lavoratrici che abbiano già usufruito in parte del congedo parentale e in tal caso, il contributo potrà essere richiesto per un numero di mesi pari ai mesi di congedo parentale non ancora usufruiti, con conseguente riduzione di altrettante mensilità di congedo parentale. L’importo del contributo è di 300,00 euro mensili ed è erogato per un periodo massimo di sei mesi (tre mesi per le lavoratrici iscritte alla gestione separata), divisibile solo per frazioni mensili intere, in alternativa alla fruizione del congedo parentale, comportando conseguentemente la rinuncia dello stesso da parte della lavoratrice. Approfondisci Inps, voucher baby sitter e asilo nido anche per le lavoratrici statali

Voucher baby sitter alle lavoratrici statali da 600 euro al mese

La legge n. 92 del 2012 non ha previsto l’erogazione di questo contributo però per le lavoratrici statali, ma ora il ministro del Lavoro Giuliano Poletti ha annunciato l’estensione anche a queste lavoratrici, aumentando anche l’importo da 300 a 600 euro netti al mese. Sarà possibile presentare domanda all’Inps fino al 31 dicembre sempre on line e dotati di PIN sempre dell’Inps, in qualsiasi momento senza aspettare il click day come avvenuto per le lavoratrici dipendenti e senza neanche dover indicare l’Isee. [fumettoforumright]

Bonus bebè 2015

Ma non solo il voucher baby sitter: dal prossimo anno potrebbe essere erogato, sempre alle lavoratrici madri, il nuovo bonus bebè, un assegno di 80 euro al mese ( 960 euro annui) per i bambini nati e adottati da gennaio 2015 a dicembre 2017 ed entro il terzo anno di vita. Non vale per il 5 figlio e successivi. Il bonus sarà in vigore dal 1gennaio 2015 e fino al 31 dicembre 2017 fino al compimento del terzo anno di età del bambino. L’assegno dovrebbe essere esentasse e dovrebbe potersi sommare all’altro bonus irpef da 80 euro che va a chi ha un reddito entro i 26 mila euro, ma senza comportare aggravi di tasse per la famiglia richiedente. Approfondisci Bonus bebè 2015: soggetti, domanda, requisiti. Scheda completa  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti:

Voucher baby sitter

I commenti sono chiusi.