Incentivi auto elettriche e a metano, ecco le novità in arrivo

Nessun euro a carico dello Stato con il meccanismo di bonus malus per gli eco incentivi per l'acquisto di auto a basse emissioni di CO2. Al lavoro i tecnici del Ministero

di , pubblicato il

Incentivi per l’acquisto di auto elettriche e comunque a basse emissioni di CO2 finanziato con una nuova tassa sull’immatricolazione delle vetture inquinanti, quelle con emissioni superiori. Incentivi auto con il bonus malus in sostanza, senza maggiori oneri per le casse erariali. E’ questa l’ultima proposta del ministro dello sviluppo economico, Flavio Zanonato.

Incentivi auto verdi: novità all’orizzonte

Molto successo riscuotono ogni anno gli incentivi auto, dei finanziamenti concessi dallo Stato per l’acquisto di auto elettriche, a metano, Gpl e comunque a  baase emissioni di CO2.

Lo Stato deve trovare ogni anno le risorse necessarie per questi incentivi, con dei costi da sostenere. Per evitare tutto ciò, i tecnici del Ministero dello sviluppo economico, guidato da Flavio Zanonato stano pensando di mettere a punto nuovo sistema di incentivi auto verdi. Un nuovo meccanismo già in vigore ad esempio in Francia, quello del bonus-malus.

Incentivi acquisto auto con bonus malus

L’idea è quella di fissare una soglia massima di emissione di CO2 tollerata, al di sotto  della quale scattano gli incentivi per l’acquisto dell’auto. Incentivi che ora sarebbero finanziati con una nuova tassa supplementare d’immatricolazione per tutte le altre auto le cui emissioni superano la soglia. L’importo della tassa dovrebbe essere proporzionale all’entità dello sforamento.

Incentivi auto con bonus malus: nessun costo per lo Stato

Una formula molto apprezzata negli ambienti tecnici perché permetterebbe una compensazione allo Stato senza uscite di cassa.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: