Incentivi assunzione nel decreto occupazione, ecco tutte le novità

Incentivi assunzione under 30 anni al Sud, finanziamento autoimprenditorialità e autoimpiego, ampliamento social card. Tutte le novità del D.L. occupazione

di , pubblicato il

Incentivi per l’assunzione di giovani con il piano Sud, finanziamento dell’autoimpiego e autoimprenditorialità, ampliamento social card sperimentale, nonché creazione di una banca dati e struttura di missione per l’incrocio tra domanda e offerta di lavoro. Sono questi i punti principali del decreto occupazione del Governo Letta.

 Incentivi assunzione giovani: il piano Sud

 La prima misura prevista nel decreto occupazione approvato ieri riguarda il bonus assunzione per giovani under 30 anni nelle regioni del Sud. In particolare si prevede un incentivo di 650 euro al mese per una durata di 18 mesi in caso di nuove assunzioni a tempo indeterminato e di 12 mesi per le stabilizzazioni di collaboratori già in azienda, di specifici soggetti che devono trovarsi in una delle seguenti condizioni:

– essere privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi,

– non avere un diploma di scuola media superiore o professionale,

– vivere da soli oppure con una o più persone a carico.

 Le assunzioni dovranno essere effettuate dall’entrata in vigore del decreto approvato ieri dall’esecutivo (ma in ogni caso dall’effettiva riprogrammazione dei fondi Ue 2007-2013) e fino al 30 giugno 2015.

 [fumettoforum]

 Autoimprenditorialità e autoimpiego: rifinanziamento

 Altra misura per favorire l’occupazione consiste nel rifinanziamento di norme già esistenti per l’autoimprenditorialità e l’autoimpiego, nonché per favorire le cooperative di giovani impegnate sul fronte dei servizi e misure per favorire la generazione dei Neet, i giovani non occupati né che studiano. Per essi si è prevista la promozione di stage e tirocini di minimo 3 mesi, con un rimborso spese mensile di massimo 200 euro di contributi statali.

 Social card sperimentale al Sud

 Altra novità contenuta del decreto occupazione è l’estensione della social card a tutto il Sud con una dote di 167 milioni euro, ampliando così la carta acquisti sperimentale ( si veda il nostro articolo Social card 2013, arriva la carta acquisti sperimentale).

 Contributo Aspi

 Nel decreto occupazione viene anche introdotto un contributo all’Aspi, la nuova indennità di disoccupazione in vigore dal 1 gennaio 2013, per cui ai datori di lavoro che assumono a tempo pieno e indeterminato lavoratori che fruiscono dell’Aspi, viene concesso, per ogni mensilità di retribuzione corrisposta al lavoratore, un contributo mensile pari al 50% dell’indennità mensile residua (che sarebbe stata corrisposta al lavoratore). Un beneficio escluso per quei lavoratori che siano stati licenziati, nei sei mesi precedenti, da parte di impresa dello stesso o diverso settore di attività che, al momento del licenziamento, presentavano assetti proprietari sostanzialmente coincidenti con quelli dell’impresa che assume o che risulta in rapporto di collegamento o controllo.

 Obiettivo: riqualificazione persone senza impiego

 Altra novità in tema di incentivi e agevolazioni per le assunzioni contenute nel decreto occupazione riguarda la creazione di una banca dati e una sorta di task force per l’occupazione, la cosiddetta struttura di missione, con il compito di intervenire nella  riqualificazione e ricollocazione delle persone che rimangono senza impiego.

 Struttura di missione

 La struttura di missione in questione si troverà presso il Ministero del lavoro e dal 1 gennaio 2014 dovrà prevedere misure che consentano una rapida transizione dal mondo scolastico a quello del lavoro e dallo stato di disoccupazione a un nuovo impiego o all’autoimprenditorialità. Sarà comunque una struttura a tempo, con valenza fino al 31 dicembre 2015.

 Banca dati

 Oltre alla struttura di missione verrà attivata una banca dati delle politiche attive e passive, in cui andranno a confluire le informazioni relative alle persone da collocare nel mercato del lavoro, i servizi erogati per favorire la loro collocazione e le possibilità di impiego.

Argomenti: