In pensione dopo il decreto pensioni quota 100: quali possibilità?

Quali possibilità di pensionamento, dopo l'ufficializzazione del decreto pensioni, per chi è in possesso solo di 30 anni di contributi?

di , pubblicato il
pensione

Buongiorno,

ho 62 anni e oltre 30 anni di contributi, con la nuova legge di stabilità mi sa dire se posso andare in pensione.
Grazie.
Purtroppo non rientra nella quota 100, che richiede almeno 62 anni unitamente a 38 anni di contributi. Non possono riguardarla, purtroppo, neanche la proroga dell’Ape sociale, per accedere alla misura, infatti, c’è bisogno di 30 anni di contributi in suo possesso ma devono essere accompagnati da almeno 63 anni di età ed essendo la misura prorogata solo per tutto il 2019 non ha neanche speranza di rientrarci al compimento dei 63 anni.
Stesso discorso vale per l’Ape volontario poiché anche questa misura resterà in vigore fino al 31 dicembre 2019 e per accedere servono almeno 63 anni di età.
Nessuna speranza di accesso neanche alla pensione anticipata che, dopo il decreto pensioni, richiede 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi di contributi per le donne: per lei mancano, infatti, ancora troppi anni di contributi da maturare.
L’unica possibilità di pensionamento che le resta a disposizione è la pensione di vecchiaia al compimento dei 67 anni di età (a cui aggiungere eventuali aumenti legati all’adeguamento per aspettativa di vita Istat).

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]
“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti.
Non si forniscono risposte in privato.”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , ,