In pensione dopo 7 anni di lavoro e prima dei 30 anni: il segreto del sogno americano svelato

Andare in pensione prima dei 30 anni dopo aver lavorato per soli 7 anni. Da noi sarebbe possibile?

di , pubblicato il
il sogno americano delle baby pensioni

Per alcuni la pensione a 70 anni è un miraggio. In Italia, con l’abolizione quota 100, si rischia di non avere grandi alternative per l’uscita anticipata a 62 anni. E intanto dall’estero diventa virale la storia di una ragazza che è riuscita ad andare in pensione a 28 anni. Perfino alcuni baby pensionati impallidiscono di fronte a questa storia. Ma qual è il suo segreto? J.P. Livingston lo ha svelato e noi ve lo riportiamo. Vi anticipiamo però che, da noi, non potreste, neanche nello scenario più fortunato e idilliaco, seguire la sua sorte. Il sistema pensionistico statunitense è diverso dal nostro. Per molti versi più conveniente e non riproponibile da noi. Allora perché ve ne parliamo? La sua storia potrebbe comunque insegnarci alcune regole del risparmio.

7 anni di lavoro: va in pensione a 28 anni

L’ispirazione della giovane, racconta lei stessa, giunge da un libro di finanza dal titolo “Rich Dad, Poor Dad”, una sorta di bibbia per chi aspira all’indipendenza finanziaria. Per smettere di lavorare prima possibile, ha dovuto seguire una corsa contro il tempo fin dall’università. Ecco le tappe che l’hanno portata alla pensione a 28 anni:

  • laurea con un anno di anticipo (che le ha fatto risparmiare 120.000 di tasse universitarie e le ha permesso di iniziare a lavorare un anno prima);
  • stipendio al primo lavoro da neolaureata, presso una società di investimenti: 60.000 dollari (circa 50.000 €) più bonus annuali;
  • scatti salariali fino ad ottenere in breve tempo uno stipendio a 6 cifre;
  • risparmio pari al 70% dello stipendio per tutti e 7 gli anni.

Facendo due conti, la giovane e intraprendente Livingston è riuscita ad accumulare circa 2,25 milioni di dollari, che equivalgono a 1,88 milioni di euro.

Il 60% è dovuto proprio a queste forme di risparmio, il restante 40% dagli investimenti.

Seguendo questo programma di vita si è assicurata una pensione di 65.000 dollari all’anno con cui vivere e che ancora le permette di mettere da parte risparmi non indifferenti.

Che cosa ci insegna il sogno americano della baby pensionata?

Ribadiamo che in Italia questo percorso sarebbe impossibile. Il nostro sistema richiede infatti un’età minima per il pensionamento. Questa esperienza, sebbene non lasci margine ad alcune flessibilità, potrebbe essere comunque di ispirazione come guida al risparmio.

 

Argomenti: , , ,