In pensione con Opzione Donna senza più proroghe ed incertezze, ecco come funzionerebbe

Andare in pensione con Opzione Donna senza più proroghe. E, di conseguenza, anche senza incertezze di anno in anno sulle misure di pensionamento anticipato accessibili da parte delle donne. Ecco come funzionerebbe.

di , pubblicato il
Doppia penalizzazione con Opzione Donna: tutto per un banale errore evitabile

Andare in pensione anticipata con la misura Opzione Donna senza più proroghe. E, di conseguenza, anche senza più incertezze, di anno in anno, sulle misure di pensionamento anticipato accessibili da parte delle donne. Ed in particolare da parte delle lavoratrici dipendenti e delle lavoratrici autonome.

La proposta di pensione anticipata con la misura Opzione Donna senza più proroghe e senza più incertezze è stata formulata dal ministro del Lavoro Andrea Orlando. Il quale, inoltre, proprio a favore delle donne ha caldeggiato pure l’istituzione di un bonus contributivo. Per tutte coloro che lavorano il doppio così come è riportato in questo articolo.

In pensione anticipata con Opzione Donna senza più proroghe ed incertezze. Ecco come funzionerebbe la misura

In particolare, per la pensione anticipata con Opzione Donna senza più proroghe e senza più incertezze il ministro del Lavoro Andrea Orlando ritiene importante rendere la misura strutturale. O comunque avente una durata pluriennale.

Perché ad oggi per la pensione anticipata con la misura Opzione Donna si va di proroga in proroga. Dopo la misura attiva nel 2021, infatti, questa è stata prorogata pure per l’anno in corso. Ma al momento non si sa nulla se questa poi sarà davvero prorogata pure per il 2023.

Quali sono i requisiti di ritiro dal lavoro per le lavoratrici dipendenti. E per quelle autonome

In pensione con Opzione Donna senza più proroghe, e quindi con l’accesso ad una misura strutturale, darebbe stabilità e certezze alle lavoratrici. Con l’opzione esercitabile, in base ai requisiti vigenti, con 35 anni di contributi previdenziali obbligatori versati. Nonché con 58 anni di età per le lavoratrici dipendenti. Ed a 59 anni di età per le lavoratrici autonome. Nel ricordare, infine, che per l’Opzione Donna 2022 i requisiti anagrafici e contributivi devono essere maturati entro e non oltre il 31 dicembre del 2021.

Argomenti: , , , , , , , , , , , , , , , ,