In pensione con l’Ape volontario a 64 anni

Accedere all'Ape volontario con 64 anni di età: requisiti e importi.

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
Accedere all'Ape volontario con 64 anni di età: requisiti e importi.

Buonasera, ho letto diversi articoli sulle pensioni, da lei scritti. Io ho mia mamma che a novembre 2018 compirà 64 anni. Non lavora dal 2004 ultimo lavoro come dipendente, ad oggi ha circa 25 anni di contribuzione. Anni 22 maturati nel 1992 nella stessa azienda, ed altri maturati presso altri settori. Ad oggi gli aspetta la pensione? Oppure dobbiamo aspettare quella di vecchiaia? La ringrazio anticipatamente.

Purtroppo con soltanto 22 anni di contributi l’unica alternativa alla pensione di vecchiaia a 67 anni può essere solo l’Ape volontario, misura che resterà in vigore fino al 31 dicembre 2019. L’ape volontario, in realtà, non è un vero e proprio anticipo pensionistico ma un prestito erogato dalle banche che permette di giungere alla pensione di vecchiaia attraverso una rendita mensile.

Il prestito erogato, garantito dalla pensione di vecchiaia stessa che deve essere richiesta al momento di domanda dell’Ape volontario, dovrà, poi, essere restituito con microprelievi sulla pensione ventennale.

I requisiti per accedere al prestito pensionistico sono:
    • almeno 63 anni di età
    • almeno 20 anni di contributi versati
    • trovarsi a non più di 3 anni e 7 mesi dalla pensione di vecchiaia.
    • Si ricorda che l’importo dell’Ape volontario non può superare:
      • il 75% dell’importo mensile del trattamento pensionistico, se la durata di erogazione dell’Ape è superiore a 36 mesi;
      • l’80% dell’importo mensile del trattamento pensionistico, se la durata di erogazione dell’Ape è superiore a 24 e pari o inferiore a 36 mesi;
      • l’85% dell’importo mensile del trattamento pensionistico, se la durata di erogazione dell’Ape è compresa tra 12 e 24 mesi;
      • il 90% dell’importo mensile del trattamento pensionistico, se la durata di erogazione dell’APE è inferiore a 12 mesi.

      Non possono accedere al beneficio coloro che le banche ritengono “cattivi pagatori”.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Lettere, Quesiti Ape volontaria, News pensioni, Prestito pensionistico - APE