In pensione con 63 anni di età: quali alternative?

63 anni di età e 41 anni di contributi: quali alternative per accedere il prima possibile alla pensione?

di , pubblicato il
Lavoratori precoci e lavoro usurante

Buonasera,
la contatto per mio padre, il quale ha 41 anni di contributi, ha 63 anni e ha 80 settimane di lavoro precoce prima dei 18 anni. Lui mi chiede se può andare in pensione e se si tra quanto?! La ringrazio a nome suo.
Cordiali saluti.

Quota 41 precoci

Suo padre rientra nella categoria dei lavoratori precoci ma può accedere alla pensione quota 41  con 41 anni di contributi per tali categorie solo se rientra nelle seguenti tipologie di lavoratori:

  • Dipendenti disoccupati a causa di licenziamento (e non a causa naturale scadenza di contratto a termine) che hanno terminato da almeno 3 mesi di percepire la Naspi spettante
  • Dipendenti e autonomi che al momento della richiesta assistono da almeno 6 mesi un familiare convivente entro il primo grado (coniuge, figlio o genitore) con handicap grave ai sensi della legge 104 articolo 3 comma 3
  • Dipendenti e autonomi con invalidità accertata pari o superiore al 74%
  • Addetti ai lavori usuranti
  • Addetti alle mansioni gravose

Se non rientra in queste tipologie, l’alternativa di pensionamento potrebbe essere la quota 100.

Se vi rientra può fare richiesta di pensione fin da subito.

Quota 100

Dal prossimo anno sarà possibile, a partire dal mese di aprile, accedere alla pensione con la quota 100 per chi possiede almeno 62 anni di età e 38 anni di contributi. Suo padre è in possesso di tutti i requisiti e, quindi, potrebbe accedere fin dal momento della pubblicazione del decreto attuativo che stabilirà modalità di accesso e di presentazione di domanda di pensionamento con la nuova misura.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , , , ,