Imu terreni 2015: chi deve pagare il saldo di dicembre?

Quali sono i terreni sui quali andrà pagato il saldo IMu entro il prossimo 16 dicembre?

di , pubblicato il
Quali sono i terreni sui quali andrà pagato il saldo IMu entro il prossimo 16 dicembre?

Tutti i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli sono tenuti al pagamento del saldo Imu terreni entro il prossimo 16 dicembre con qualche eccezione. Sono esonerati dal pagamento dell’Imu terreni i titolari di terreni agricoli situati nei comuni montani contenuti dell’elenco predisposto dall’Istituto Nazionale di Statistica, sia che possiedano terreni coltivati sia che i terreni siano incolti o parzialmente montani. Questo esonero, però, è riservato soltanto a quei terreni posseduti da coltivatori diretti e imprenditori agricoli, unici soggetti per i quali è stata riconosciuta l’esenzione. Per tutti gli altri terreni agricoli il saldo dell’IMU è dovuto entro il 16 dicembre. L’importo dell’IMU si calcola moltiplicando il reddito dominicale che risulta dal catasto, del 2015, rivalutato del 25%, per 135. Sul valore ottenuto si applica l’aliquota deliberata dal comune per il 2015. Per i terreni posseduti e condotti da coltivatori diretti e imprenditori agricoli che non siano ubicati in comuni montani, il moltiplicatore da applicare nel calcolo è 75; il valore dell’imponibile sarà, in questo modo più basso. Su questi terreni, inoltre, si applicano delle riduzioni d’imposta calcolate in base al valore dell’immobile, esentando dal pagamento i terreni che presenta un valore imponibile minore di 6mila euro. Le riduzioni previste, in ogni caso, sono:

  • per i valori eccedenti i 6mila euro e fino a 15500 euro, riduzione del 70%
  • sull’imposta gravante sulla parte di valore eccedente i 15.500 euro e fino a 25.500 euro, riduzione del 50%
  • sull’imposta gravante sulla parte di valore eccedente i 25.500 euro e fino a 32mila euro, riduzione del 25%

  Inoltre, per i terreni che sono situati in comuni di collina svantaggiata, è previsto una detrazione aggiuntiva di 200 euro.

Argomenti: