Imu prima casa, stop anche per anziani, disabili e residenti all’estero. Ecco perchè

Cancellata l'Imu prima casa anche per anziani in case di cura, disabili e residenti all'estero il cui immobili sia assimilato ad abitazione principale

di , pubblicato il
Cancellata l'Imu prima casa anche per anziani in case di cura, disabili e residenti all'estero il cui immobili sia assimilato ad abitazione principale

Stop al pagamento Imu anche per anziani in case di cura, disabili e residenti all’estero, secondo l’ultimo decreto del Consiglio dei Ministri che ha cancellato l’Imu da una parte e introdotto la service tax dall’altra.

 Stop Imu prima casa: ecco perchè

 Imu prima casa cancellata per tutti quegli immobili che già lo scorso giugno 2013 avevano visto lo slittamento del pagamento della tassa in questione a settembre, in attesa di una complessiva riforma della tassazione sugli immobili. Il decreto del Consiglio dei ministri della scorsa settimana ha infatti ha letteralmente cancellato l’Imu prima casa, tranne che non si tratti di un immobile di pregio o di lusso.

 Imu anziani, disabili e residenti all’estero: stop al pagamento

 Discorso che vale anche per le case di anziani, disabili e residenti all’estero se i comuni non hanno revocato per l’anno in corso il trattamento agevolato riconosciuto nel 2012 per gli immobili da loro destinati ad abitazione principale o intendono concederlo per il 2103.

 In base alle novità introdotte dal recente decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che ha da una parte cancellato l’Imu e dall’atra ha introdotto dal 2014 una nuova tassa unica sugli immobili, la cd service tax ( si rinvia al nostro articolo  Imu via da subito, entra la service tax. Ecco il nuovo decreto targato Letta), è bene individuare chi sono i soggetti che non pagheranno più l’Imu.

 Imu prima casa: chi non paga

 A non pagare più l’Imu saranno i proprietari di prime case, ma anche anziani, disabili e residenti all’estero. In particolari tali soggetti hanno visto l’assimilazione del loro immobile all’abitazione principale, e perciò non sono tenuti a pagare l’Imu.

Sono i Comuni che hanno stabilito il trattamento agevolato per tali soggetti, prevedendo in particolare che gli immobili posseduti da anziani o disabili e residenti all’estero vengano assimilati ad abitazione principale. La circolare Imu, la n. 3 del 2013 del Dipartimento delle finanze aveva precisato inoltre che il pagamento Imu dovesse essere cancellato, solo in relazione ad un immobile, intesa come abitazione principale, ossia l’immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore dimora abitualmente e risiede anagraficamente.

Anziani, disabilie e residenti all’estero: ecco perché non pagheranno più l’Imu

Di conseguenza anche gli anziani in case cure, così come i disabili e i residenti all’estero possono fruire della cancellazione Imu prima casa, così come recentemente disposto dal Consiglio dei ministri guidato da Enrico Letta.

[fumettoforumright]

Stop all’Imu ma c’è sempre la service tax dal 2014

Ovviamente tolta l’Imu, dal 2014 arriva un ‘altra tassa, la service tax, a metà strada tra Imu e Tares, che sarà pagata anche dagli affittuari e in tal caso non si prevedono sconti per nessuno, anche se bisogna ancora attendere la prossima legge di stabilità 2014 per capire i contenuti effettivi della nuova imposta.

 

Potrebbe interessarti anche:

Imu prima casa via, ecco chi continua a pagare la tassa

 

Argomenti: