Imu e Tasi: novità in arrivo, accorpamento, riduzione imposte e casi di esclusione

Dal 2020 Imu e Tasi saranno accorpate in una unica tassa. I comuni invieranno i moduli di pagamento e ci saranno maggiori casi di esclusione e riduzione dell’imposta.

di , pubblicato il
Dal 2020 Imu e Tasi saranno accorpate in una unica tassa. I comuni invieranno i moduli di pagamento e ci saranno maggiori casi di esclusione e riduzione dell’imposta.

Imu e Tasi saranno accorpate in una unica imposta. Dal 1 gennaio 2020 i due balzelli sugli immobili diventeranno uno solo, così come previsto dal riordino delle tassazioni sugli immobili in studio alla Commissione Finanze della Camera. Non solo, si sta anche discutendo di ridurre la nuova Imu o di escluderla del tutto per casi particolari.

Imu e Tasi insieme dal 2020

Fermo restando che lo scopo è quello di semplificare l’iter burocratico e di pagamento delle imposte sulla casa con l’accorpamento di Imu e Tasi in una unica tassa, il vicepresidente alla Commissione Finanze ha anche proposto di valutare specifici casi di esclusione o riduzione dell’Imu sui fabbricati. Nello specifico si sta lavorando per apportare tagli applicabili a casi, come i fabbricati inagibili, i negozi non affittati da anni e la cancellazione dell’Imu per la seconda casa data in comodato d’uso ai figli.

Quest’ultimo aspetto era già stato vagliato dal precedente governo che aveva proposto di azzerare l’Imu sulle abitazioni date in comodato d’uso ai figli come prima casa di abitazione. Proposta che poi è stata cancellata per mancanza di coperture. Attualmente, l’Imu per questo tipo di abitazioni è ridotta del 50%, ma inizialmente era previsto l’azzeramento. Un punto sul quale il governo gialloverde punta a cavalcare in occasione dell’approvazione della legge di bilancio per il 2020.

Moduli precompilati di pagamento saranno inviati dai Comuni

Altra novità allo studio, in ottemperanza alla semplificazione burocratica, è quella di fare in modo che il contribuente riceva a casa la lettera da parte del Comune in cui viene richiesto il pagamento, come avviene per la TARI. Finora, infatti, è il contribuente che deve farsi tutti i conteggi e poi provvedere al versamento delle imposte con il rischio di commettere errori che poi dovranno essere sanati in un secondo momento quando il Comune verifica la congruenza dei dati. Un’anomalia tutta italiana e che la legge dovrà presto sanare. Lo scopo finale è quello di arrivare a dei moduli precompilati che saranno inviati ai contribuenti, in cui Imu e Tasi saranno calcolati d’ufficio e accorpati tra di loro.

Pagamenti in più rate per la nuova Imu

Fra le altre novità in cantiere vi è anche la possibilità di permettere ai comuni più virtuosi di abbassare l’aliquota della nuova Imu fino a un certo valore minimo e un sistema di pagamento dell’imposta che permetta al contribuente di versare l’Imu in più rate. Oggi è previsto il pagamento in due tranches, una a giugno e l’altra a dicembre. L’idea è quella di fare in modo che sopra un certo importo il contribuente possa dilazionare il pagamento in tre o quattro tranches durante l’anno.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.