Imu 2013, ecco chi paga la rata di giugno

I possessori di immobili di pregio, case in affitto/locazione, in comodato d'uso gratuito ai familiari e seconde case sono i soggetti che devono pagare la prima rata Imu il prossimo 17 giugno

di , pubblicato il
I possessori di immobili di pregio, case in affitto/locazione, in comodato d'uso gratuito ai familiari e seconde case sono i soggetti che devono pagare la prima rata Imu il prossimo 17 giugno

Pagamento Imu di giugno sospeso fino al 17 settembre 2013. Ma per chi rimane la scadenza del prossimo 16 giugno per il versamento della prima rata  per il 2013 e chi invece deve fare i conti con la tassa sugli immobili a settembre?

 Sospensione Imu, il decreto del Cdm

 Alla fine la scorsa settimana si è chiusa con l’adozione da parte del Consiglio dei ministri del decreto che ha sospeso in via definitiva il pagamento Imu della rata di giugno prossimo, ma solo per la prima casa e relative pertinenze e immobili rurali ( si veda il nostro articolo Imu prima casa, pagamento rinviato a settembre), facendolo slittare al 17 settembre venturo, in attesa di una riforma entro l’estate della tassazione sugli immobili.

 Pagamento Imu: a giugno o settembre?

Occorre a questo punto distinguere tra chi è tenuto a rispettare la scadenza del 17 giugno 2013 per il pagamento della prima rata dell’Imu e chi invece dovrà farlo a settembre, secondo il decreto adottato dal Consiglio dei Ministri guidato dal premier incarico Letta.

 Pagamento Imu a giugno: dagli immobili di pregio…

 A dover fare i conti con il pagamento Imu del prossimo giugno 2013 sono in primo luogo i possessori di immobili di pregio. Sono meno di 100mila in Italia i possessori di fabbricati di pregio intendendo per tali palazzi, castelli, case signorili, ecc. Si tratta in sostanza delle case in cui il possessore e la sua famiglia hanno la residenza e la dimora, comprese le pertinenze, accatastate nelle categorie: A/1 (abitazioni di tipo signorile), A/8 (abitazioni in ville)e A/9 (castelli e palazzi).

.. alle secondo case

 In secondo luogo troviamo i possessori di case diverse dall’abitazione principale, quindi chi ha immobili in affitto/locazione, in comodato d’uso gratuito a parenti, uffici, negozi, box auto.

 Pagamento Imu, ecco chi paga a settembre

 La sospensione del pagamento Imu a giugno invece interessa le prime case e relative pertinenze e gli immobili rurali. Il pagamento in tal caso dal 16 giugno è spostato al 16 settembre e non si sa come avverrà il calcolo, se cambierà qualcosa visto che il Governo ha dichiarato che entro il 31 agosto metterà mano alla tassazione sugli immobili, anche se non è del tutto sicuro visto che in caso di mancata riforma entro il 31 agosto, l’acconto andrà versato con le regole attualmente vigenti. 

Tra i soggetti che sono tenuti al pagamento Imu a settembre ritroviamo:

–   coniugi con residenze diverse, che si intendono abitazioni principali;

–   anziani e disabili ricoverati in via permanente e residenti in un istituto di cura, sempre se il Comune ha deliberato di  all’abitazione principale;

–  case all’estero, ossia di proprietari iscritti all’anagrafe degli italiani residenti all’estero (Aire) che non pagano l’Imu a giugno sempre che i Comuni abbinao equiparato tali case all’abitazione principale

Argomenti: