Imprese agricole, attivato il fondo investimenti innovativi: cos’è e come funziona

Il fondo investimenti innovativi per le imprese agricole prevede contributi a fondo perduto nella misura del 30% o 40% a seconda del caso

di , pubblicato il
Imprese agricole, attivato il fondo investimenti innovativi

Finalmente attivo il fondo investimenti innovativi del MISE per le imprese agricole. Grazie alle risorse stanziate (circa 5 milioni di euro), le micro, piccole e medie imprese agricole attive nel settore della produzione agricola primaria, della trasformazione e della commercializzazione di prodotti agricoli che effettuano investimenti per innovare i sistemi produttivi, potranno contare su contributi a fondo perduto.

I termini e modi per la domanda di accesso saranno, comunque, definiti da un successivo provvedimento ministeriale.

Cos’è il fondo investimenti innovativi per imprese agricole

Il fondo investimenti innovativi imprese agricole, è finalizzato alla concessione di un contributo a fondo perduto per le imprese del settore che investono nell’acquisto e installazione di nuovi beni strumentali, materiali e immateriali, che dovranno essere utilizzati esclusivamente nelle sedi o negli stabilimenti dell’imprese stesse situate in Italia.

Il contributo è riconosciuto nella misura del 30% delle spese ammissibili. La percentuale sale al 40% laddove si tratti di spese riferite all’acquisto di beni strumentali, materiali o immateriali, compresi negli allegati A o B della Legge n. 232 del 2016.

L’agevolazione è, in ogni caso, riconosciuta nel limite di euro 20.000,00 per ciascuna impresa beneficiaria.

Sono escluse, invece, le spese relative a, seguenti beni:

  • usati
  • oggetto di locazione finanziaria;
  • il cui importo di spesa sia inferiore a euro 500,00 al netto di IVA.

I requisiti di accesso al fondo

Per aver diritto ad accedere al fondo investimenti innovativi in commento è necessario il rispetto di determinati requisiti. In primis deve trattarsi di micro, piccola e media dimensione, secondo la classificazione contenuta nell’Allegato I al regolamento ABER. Inoltre, l’impresa deve:

  • essere regolarmente costituite e iscritte come attive nel Registro delle imprese – sezione speciale imprese agricole – della Camera di commercio territorialmente competente
  • avere la sede legale o un’unità locale in Italia
  • essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti
  • non essere in liquidazione volontaria
  • non essere sottoposte a procedure concorsuali con finalità liquidatorie
  • non essere in condizioni tali da risultare impresa in difficoltà
  • non rientrare tra le imprese che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato, gli aiuti individuati quali illegittimi o incompatibili dalla Commissione europea.

Potrebbe anche interessarti:

Argomenti: ,