Impresa femminile: pioggia di risorse dalla manovra di bilancio 2021

Sostegno allo sviluppo dell’imprenditoria femminile tra le misure contenute nella legge di bilancio 2021

di , pubblicato il
donne

Arriva con la Legge di bilancio 2021, un Fondo per il sostegno alle imprese femminili. La bozza del disegno di legge di stabilità 2021, approvato dal Consiglio dei Ministri in data 16 novembre 2020, parla di risorse finalizzate

“a promuovere e sostenere l’avvio e il rafforzamento dell’imprenditoria femminile, la diffusione dei valori di imprenditorialità e lavoro tra la popolazione femminile e massimizzare il contributo, quantitativo e qualitativo, delle donne allo sviluppo economico e sociale del Paese”.

Come si evince anche dalla relazione illustrativa allo stesso disegno di legge, infatti, i dati attuali, a livello nazionale ed internazionale, segnalano che sono ancora troppo poche le donne che scelgono di creare un’impresa, di avviare una start-up, di intraprendere studi scientifici.

Le finalità del Fondo impresa femminile

La dotazione finanziaria del Fondo è stabilita in euro 20 milioni per ciascuno degli anni 2021 e 2022. Queste risorse potranno essere indirizzate ai seguenti scopi:

  • contributi a fondo perduto per avviare imprese femminili, con particolare attenzione alle imprese individuali e alle attività libero professionali in generale e con specifica attenzione a quelle avviate da donne disoccupate di qualsiasi età
  • finanziamenti a tasso zero, finanziamenti agevolati, combinazioni di contributi a fondo perduto e finanziamenti per avviare e sostenere le attività di imprese femminili
  • incentivi per rafforzare le imprese femminili, costituite da almeno 36 mesi, sotto la forma di contributo a fondo perduto del fabbisogno di circolante nella misura massima dell’ottanta percento della media del circolante degli ultimi 3 esercizi
  • percorsi di assistenza tecnico-gestionale, per attività di marketing e di comunicazione durante tutto il periodo di realizzazione degli investimenti o di compimento del programma di spesa, anche attraverso un sistema di voucher per accedervi
  • investimenti nel capitale, anche tramite la sottoscrizione di strumenti finanziari partecipativi, a beneficio esclusivo delle imprese a guida femminile tra le start-up innovative e delle PMI innovative, nei settori individuati in coerenza con gli indirizzi strategici nazionali
  • azioni di comunicazione per la promozione del sistema imprenditoriale femminile italiano e degli interventi finanziati.

Viene inoltre istituito, presso il MISE, il Comitato Impresa Donna con il compito di attualizzare le linee di indirizzo per l’utilizzo delle risorse del Fondo in commento.

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: ,