Il Superbonus 110% alla prova del nove con i cassetti fiscali delle banche che sono pieni

Per il Superbonus 110% siamo arrivati alla prova del nove. Con l'apertura alla quarta cessione che non è stata accolta con favore dagli istituti di credito. E questo perché, con i cassetti fiscali delle banche che sono pieni, c'è bisogno di maggiore flessibilità. Ecco quali sono le due importanti modifiche allo studio.

di , pubblicato il
Cantieri 110 bloccati e lavori non terminati: senza proroga boom di cause e fallimenti

Per il Superbonus 110% siamo davvero arrivati alla prova del nove. Con l’apertura alla quarta cessione che non è stata accolta con favore dagli istituti di credito. E questo perché, con i cassetti fiscali delle banche che sono pieni, c’è ora bisogno di maggiore flessibilità.

Non a caso, per il Superbonus 110% alla prova del nove e per gli altri bonus edilizi, il mercato degli sconti in fattura e delle cessioni dei crediti fiscali ha toccato in Italia un controvalore complessivo pari a ben 40 miliardi di euro. Cosa che ha portato di nuovo le banche a porre un freno all’avvio di pratiche per l’acquisizione di nuovi crediti fiscali.

Il Superbonus 110% alla prova del nove con i cassetti fiscali delle banche che sono pieni

Per il Superbonus 110% la prova del nove è rappresentata dal raggiungimento di un nuovo equilibrio. Tra il rispetto delle norme antifrode introdotte dal Governo e la necessità di garantire maggiore flessibilità.

A partire proprio dalla quarta cessione dei crediti fiscali. In modo tale che le banche non sospendano o rallentino le procedure di acquisizione.

Il Superbonus 110% è alla prova del nove, inoltre, pure per quel che riguarda i lavori incentivati sulle villette unifamiliari. Con il vincolo SAL 30% che dovrebbe essere spostato in avanti. Ovverosia, dal prossimo 30 giugno ad una nuova scadenza tra agosto ed il prossimo mese di settembre del 2022.

Quali sono le modifiche allo studio per i crediti fiscali

Per il Superbonus 110% alla prova del nove con i cassetti fiscali delle banche che sono pieni le modifiche allo studio sono principalmente due. Ovverosia, il depotenziamento del divieto di cessione parziale dei crediti fiscali. Nonché l’introduzione di maggiore flessibilità sul passaggio del credito tra la banca ed il correntista.

Slegando questo passaggio dall’obbligo di attendere che prima ci siano state per il credito fiscale tre passaggi.

Argomenti: , , , , , , , ,