Il Bonus 800 euro per i lavoratori dello sport sarà esteso fino al 5 marzo

Bonus per i collaboratori sportivi fino al 5 marzo, lo ha appena dichiarato il Ministro Spatafora.

di , pubblicato il
Bonus per i collaboratori sportivi fino al 5 marzo, lo ha appena dichiarato il Ministro Spatafora.

Nel nuovo decreto ristori 5, che dovrebbe essere approvato già da questa settimana, verrà inserito anche il bonus per i collaboratori sportivi fino al 5 marzo, un nuovo fondo perduto con maggiori risorse per ASD e SSD, il fondo per le partite Iva e altre misure di sostegno.

Questo è dichiarato dal Ministro per le politiche giovanili e lo sport, Vincenzo Spatafora, con un recente post sulla propria pagina facebook.

Bonus 800 euro collaboratori sportivi

In attesa di poter leggere i testi definitivi del decreto ristori 5, il nuovo bonus di cui parla il Ministro Spatafora, dovrebbe consistere nell’erogazione dell’ormai conosciuto Bonus 800 anche per le prossime mensilità.

Si tratta, in poche parole, di un’indennità da 800 euro, una tantum, in favore dei lavoratori impiegati con rapporti di collaborazione presso il Coni, il Comitato Italiano Paralimpico, le federazioni sportive nazionali, le discipline sportive associate, gli enti di promozione sportiva riconosciuti dal Coni e dal Cip, le società e associazioni sportive dilettantistiche.

Società che, a causa dell’emergenza Covid, hanno dovuto cessare, ridurre o sospendere la propria attività.

Anche in questo caso l’erogazione del bonus dovrebbe essere automatica per i soggetti già beneficiari della stessa indennità per i mesi precedenti.

Ristori fino al 5 marzo

Il Ministro Spatafora, nel suo lungo post su facebook, dichiara di essere consapevole che migliaia di imprese sportive sono in gravissima difficoltà e rischiano di chiudere per sempre. Per questo motivo, continua il Ministro, “Seguirò personalmente l’applicazione di ogni singolo intervento perché avvenga in tempi rapidi e senza alcun problema”.

Oggi il mio ruolo mi impone di prendere decisioni che possono non essere condivise ma che in coscienza ho il dovere di perseguire, anche se queste risultano fortemente impopolari, conclude il Ministro.

Articoli correlati

Argomenti: ,