Ici 2011 Guida al Pagamento: introduzione all’imposta comunale sugli immobili

Le basi normative dell'Imposta Comunale sugli Immobili

di Alessandra M., redazione Investireoggi.it, pubblicato il
Le basi normative dell'Imposta Comunale sugli Immobili
[post_list name=”guidaici”]

Trattiamo nel dettaglio, con una guida completa, l’ imposta comunale sugli immobili (ICI), un tributo introdotto abbastanza di recente nel nostro ordinamento. Forse la difficoltà maggiore nell’ applicazione di tale tributo è quella di avere a che fare con una miriade di regolamenti comunali che fissano regole parzialmente diverse per l’ imposta in questione. Infatti sebbene l’ Ici sia introdotta e definita da una legge nazionale, sono stati demandati alla volontà comunale alcuni tratti salienti dell’ imposta.
Questa guida dovrebbe fare chiarezza in termini di applicazione del tributo ed uniformare, se possibile, le varie interpretazioni , che potrebbero essere differenti da comune a comune.

 

ICI QUANDO E’ STATA INTRODOTTA: UN CAMMINO NIENTE AFFATTO LUNGO

L’ Imposta comunale sugli immobili è stata introdotta nel panorama delle imposte attraverso il decreto legislativo n. 504 del 30 dicembre 1992. Da un po’ di anni è stato concesso ai Comuni di poter derogare a tale norma generale attraverso l’ adozione di un regolamento interno. Infatti l’ art. 52 del decreto legislativo n. 446 del 1997 recita “ le provincie ed i Comuni possono disciplinare con regolamento le proprie entrate, anche tributarie, salvo per quanto attiene alla individuazione e definizione delle fattispecie imponibili, dei soggetti passivi e della aliquota massima dei singoli tributi, nel rispetto delle esigenze di semplificazione degli adempimenti dei contribuenti. Per quanto non regolamentato si applicano le disposizioni di legge vigenti”.

 

ICI PRESUPPOSTO IMPOSTA: LE FONDAMENTA GIURIDICHE DELL’IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Il comma 2 dell’ articolo 1 definisce quale sia il presupposto dell’ imposta ( ossia in quale condizione si viene assoggettati all’ imposta comunale sugli immobili) ed in definitiva possono sintetizzarsi in due elementi:

  • L’ immobile ( fabbricato, area fabbricabile e terreno agricolo) è l’ elemento preso come indice di capacità contributiva;
  • Il possesso dell’ immobile

Ici fabbricati – In base all’ art. 1 per FABBRICATO si intende una unità immobiliare iscritta, o che verrà iscritta, al catasto edilizio urbano. Il fabbricato di nuova costruzione è soggetto all’ imposta a partire dalla data di ultimazione dei lavori di costruzione.

Ici area fabbricabile – Per AREA FABBRICABILE si intende invece l’ area utilizzabile a scopo edificatorio in base agli strumenti urbanistici generali. Sono non fabbricabili i terreni posseduti e condotti dai soggetti indicati nel comma 1 dell’ art. 9, sui quali persiste l’ utilizzazione agro – silvo – pastorale mediante l’ esercizio di attività per la coltivazione del fondo, funghicoltura o altra utilizzazione.

Ici terreno agricolo – Per TERRENO AGRICOLO si intende invece il terreno adibito all’ esercizio delle attività elencate dall’ articolo 2135 del codice civile.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Redditi e Dichiarazioni

I commenti sono chiusi.