Gualtieri: verso un piano di rilancio senza precedenti, sarà valutata anche l’ipotesi MES

Investire sul futuro, sull’innovazione, sulla digitalizzazione, sulla sostenibilità ambientale, sugli investimenti. Verranno valutati gli strumenti più convenienti, anche il Mes, se necessario.

di , pubblicato il
Investire sul futuro, sull’innovazione, sulla digitalizzazione, sulla sostenibilità ambientale, sugli investimenti. Verranno valutati gli strumenti più convenienti, anche il Mes, se necessario.

Un piano di rilancio per il nostro paese “senza precedenti”, valuteremo anche la via del MES. Così il ministro dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri, intervenuto a “Mezz’ora in più” su RaiTre.

La crisi sanitaria del Coronavirus e i suoi inevitabili riflessi economici negativi sul nostro paese e sull’economia globale sono stati fronteggiati dall’Italia con delle misure notevoli. Sono stati stanziati enormi risorse, ma non è finita qua, adesso è necessario un piano di rilancio ambizioso, bisogna dare una svolta all’economia del nostro Paese e recuperare il gap perso negli ultimi anni con le altre potenze europee e mondiali.

 

Rilancio, il Governo valuterà anche il Mes

Nella sua intervista a Mezz’ora in più, Gualtieri ha spiegato che, con la prossima Legge di Bilancio, il Governo presenterà un “progetto di rilancio senza precedenti”, per “investire sul futuro, sull’innovazione, sulla digitalizzazione, sulla sostenibilità ambientale, sugli investimenti. Chiediamo a tutte le forze di contribuire e dare idee e proposte”.

Per trovare le risorse necessarie, Gualtieri, senza troppi mezzi termini, dichiara che il Governo valuterà gli strumenti più convenienti, anche il Mes, se necessario.

Infine, il Ministro apre al dialogo anche con le opposizioni: “È bene dialogare con tutti, costruire un grande patto con tutte le forze sociali, economiche, produttive. Bisogna dialogare con l’opposizione. È fondamentale, passato il momento più difficile, non disperdere lo spirito costruttivo unitario”.

 

Potrebbe anche interessarti:

 

 

 

Argomenti: , ,