Guadagnare meno conviene: il paradosso fiscale dei lavoratori dipendenti in Italia

Servizi gratuiti e bonus potrebbero spingere a guadagnare meno: avere uno stipendio basso può essere più conveniente di uno medio? Sembra un paradosso ma nei fatti potrebbe accadere.

di , pubblicato il
Servizi gratuiti e bonus potrebbero spingere a guadagnare meno: avere uno stipendio basso può essere più conveniente di uno medio? Sembra un paradosso ma nei fatti potrebbe accadere.

Guadagnare meno se si lavora da dipendenti, potrebbe convenire. Sembra paradossale eppure, per certi aspetti, in Italia funziona proprio così. Ad approfondire le dinamiche alla base di questo processo, è una interessante analisi a firma di Natale Forlani (Il Sussidario), di cui riprendiamo i concetti fondamentali.

Tassazione progressiva sul reddito: meno si guadagna meno si paga

Un primo spunto di riflessione viene dalle tasse sugli stipendi, previste in modo progressivo per finanziare il welfare (in cui rientrano settori cruciali come scuola, sanità, assistenza e altri servizi pubblici rivolti alla comunità). Già dagli anni 80, però, questo sistema ha rivelato alcuni punti critici: senza entrare troppo nel tecnico, diciamo che l’Italia sta pagando il ritardo nelle riforme e che, nel tempo, ha accumulato debito pubblico per far fronte alla spesa previdenziale (crescente anche per via dell’invecchiamento medio della popolazione) e sociale.

E’ vero che In Italia molti contribuenti onesti, dipendenti o pensionati, non solo pagano le tasse con aliquote  progressive che mangiano fino al 48% del reddito  (se si tiene conto anche di  addizionali comunali e regionali), ma devono contribuite anche al pagamento di ticket e altri balzelli, in misura proporzionale al reddito, per poter avere libero accesso a servizi sovvenzionati in gran parte da loro stessi (basti pensare che il 12,8% dei contribuenti che hanno reddito lordo superiore ai 35 mila euro concorre da solo al 60% delle entrate Irpef). Quello che succede è che molti redditi bassi che hanno diritto ad alcune prestazioni gratuite, si ritrovano di fatto a poter contare su un reddito effettivo superiore rispetto a coloro che, invece, pur non essendo definiti ricchi, sono stati chiamati a contribuire ai suddetti servizi con il pagamento di tasse e tributi. La penalizzazione riguarderebbe i ceti medi. A questo punto sarebbe meglio guadagnare meno e avere certi servizi gratuiti?

Bonus sugli stipendi medio-bassi: guadagnare meno conviene?

Un discorso con effetti simili riguarda alcuni bonus, in primis il bonus Renzi in busta paga o il bonus bebè, riconosciuti solo sotto una certa soglia di reddito.

Chi supera il tetto e ha percepito il bonus Renzi indebitamente, è chiamato a restituirlo in una soluzione unica. Poche decine di euro al mese possono fare la differenza tra il diritto al bonus oppure no e questo potrebbe avere degli effetti indesiderati, ovvero disincentivare i guadagni o omettere i redditi percepiti. Possono sembrare distorsioni marginali del sistema ma non sono effetti da trascurare.

Bonus Renzi: quali possono essere i motivi di restituzione

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.