Greta-tax: i biglietti aerei costeranno di più?

La Greta tax sui voli: non parte dalla Svezia ma dalla Francia. Polemica sui rincari biglietti.

di , pubblicato il
La Greta tax sui voli: non parte dalla Svezia ma dalla Francia. Polemica sui rincari biglietti.

Qualcuno l’ha già ribattezzata la Greta-tax. Non certo perché ad imporla sia stata la bambina attivista diventata di recente famosa per le sue campagne contro i cambiamenti climatici ma perché lo scopo della tassa è proprio quello di tutelare l’ambiente dall’inquinamento aereo. A pagare saranno i viaggiatori: i biglietti aerei potranno arrivare a costare fino a 18 euro in più.

Per il momento la tassa sugli aerei riguarda i voli dalla Francia. Per il momento quindi è limitata ai voli in uscita dalla Francia e non anche a quelli in arrivo. Non è escluso però che altri Paesi copino questo esempio e si adeguino, Italia inclusa. La Greta-tax ha già suscitato anche qualche malcontento: a protestare in prima linea sono le compagnie aeree. Air France appare tra le più colpite essendo la compagnia di bandiera francese.

Eco tassa: su quali voli si applica e quanto costa

I voli da e per la Francia costeranno da 1,50 a 18 euro in più per via della nuova tassa che sta facendo discutere. Sono esclusi dal rincaro i voli verso la Corsica, i territori francesi d’Oltremare e le corrispondenze aeree.

Tra le campagne della giovanissima Thunberg c’è anche quella di preferire agli spostamenti in aereo quelli con mezzi meno inquinanti, ad esempio il treno. In Svezia sta riscuotendo un certo consenso l’hashtag flygskam“, che letteralmente può essere tradotto come “vergogna di volare“. Centinaia di cittadini ogni giorno viaggiano in treno e condividono le immagini dei loro spostamenti sui social invitando gli utenti a fare altrettanto.

Di quanto aumenteranno i biglietti dei voli dalla Francia? 1,50 euro per la classe economy di tratte domestiche o europee, 9 euro per i voli in business, di 3 euro per i voli extra-Ue in classe economica e fino a 18 euro per chi viaggia in business su queste tratte lunghe. Secondo le stime del governo francese, la tassa dovrebbe generare un introito per le casse dello Stato pari a 182 milioni di euro già a partire dal 2020. Soldi, ha precisato la ministra dei Trasporti Elisabeth Borne, che saranno destinati a migliorie in infrastrutture di trasporto più moderne ed ecologiche (rete ferroviaria in primis).

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.