Gettare cicche di sigarette dal balcone è reato

Gettare cicche di sigarette dal balcone è reato, lo chiarisce la Corte di Cassazione.

di , pubblicato il
sigarette

Gettare cicche di sigarette dal balcone è reato, lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 16459. I rapporti condominiali sono sempre difficili e tesi. La Corte di Cassazione ha esaminato il caso di una lite condominiale che riguardava sigarette e cenere buttate dal balcone. Sono tanti i casi condominiali che causano liti, alla base c’è sempre una mancanza di rispetto e buona educazione verso l’altro condomino.

La decisione della Corte

I Giudici della Corte di Cassazione, condividono la decisione espressa dei giudici territoriali, e ritengono colpevole una donna accusata di aver gettato, al piano di sotto al suo appartamento, rifiuti. Per rifiuti si intendono cenere, cicche di sigarette e detersivi corrosivi, come la candeggina. La donna viene ritenuta colpevole del reato di cui all’art. 674 del codice penale.

Gettare cicche di sigarette dal balcone, reato secondo l’art. 674 c.p.

L’art. 674 del codice penale, stabilisce che chiunque getta o versa, in un luogo di pubblico transito o in un luogo privato ma di comune o di altrui uso, cose atte a offendere o imbrattare o molestare persone, ovvero, nei casi non consentiti dalla legge, provoca emissioni di gas, di vapori o di fumo, atti a cagionare tali effetti, è punito con l’arresto fino a un mese o con l’ammenda fino a 206 euro.

Quindi si consiglia di fare attenzione ad innaffiare vasi da fiori posti sui balconi lasciando gocciolare l’acqua sulla pubblica via, o come nel caso sopra espresso, buttare cicche di sigarette o detersivi pericolosi.

Nuove regole sulle sigarette

Per chi fuma all’aperto davanti scuole e ospedali o in auto alla presenza di minori e donne incinte scattano le sanzioni previste dall’art. 52, comma 20, della legge 28 dicembre 2001, n. 448.  Ed esattamente:

  • da 25 a 250 euro per fumo all’aperto davanti a scuole e ospedali e fumo in auto alla presenza di minori da 12 a 18 anni;
  • da 50 a 500 euro per fumo in auto alla presenza di minori sotto i 12 anni e di donne incinte.

Sigarette: dal 2 febbraio entrano in vigore i nuovi divieti per chi fuma

.
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,

I commenti sono chiusi.