Garante privacy: in arrivo sulle ispezioni sulla fatturazione elettronica

L’Autorità Garante Privacy annuncia l’avvio di nuove ispezioni, da qui a fine anno, sulla fatturazione elettronica

di , pubblicato il
L’Autorità Garante Privacy annuncia l’avvio di nuove ispezioni, da qui a fine anno, sulla fatturazione elettronica

Continua l’attività di accertamento, iniziata nel primo semestre 2020, svolta anche in collaborazione con il Nucleo speciale tutela privacy e frodi tecnologiche della Guardia di finanza, e riguardante i trattamenti di dati svolti nell’ambito di settori particolarmente delicati, tra i quali la fatturazione elettronica.

Ad annunciarlo è il Garante Privacy con un comunicato pubblicato sul proprio sito istituzionale.

I dati del Garante Privacy sulle ispezioni del primo semestre 2020

Il Garante stesso rende noto anche i dati riferiti alle attività ispettive fatte nel primo semestre di quest’anno. In dettaglio, dall’analisi statistica emerge un notevole incremento delle entrate complessive derivanti dalle sanzioni (un aumento di circa il 481% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno)

In aumento (con un + 124%) anche per le iscrizioni a ruolo (per un importo complessivo di 5 milioni 42 mila euro a fronte dei 2 milioni 248mila euro del primo semestre 2019). Il dato riguarda coloro che, avendo trasgredito le norma sulla privacy, non si sono avvalsi della facoltà di definizione agevolata.

In merito all’ambito applicativo delle ispezioni che proseguiranno da qui a fine anno, è poi fatto sapere che queste saranno indirizzate anche alla verifica del rispetto delle norme nel rilascio di certificati tramite l’Anagrafe nazionale della popolazione residente, e nell’attività di marketing, sia nel settore pubblico che privato.

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: , ,