Fondo perduto perequativo: scadenza e come presentare la domanda?

Il fondo perduto perequativo è di tipo alternativo. Per richiedere questo tipo di contributo, bisogna presentare la dichiarazione dei redditi.

di , pubblicato il
Il fondo perduto perequativo è di tipo alternativo. Per richiedere questo tipo di contributo, bisogna presentare la dichiarazione dei redditi.

Il 16 giugno è partita l’erogazione da parte dell’Agenzia delle Entrate degli accrediti per il contributo a fondo perduto. Il Decreto Sostegni bis ha previsto 3 differenti tipologie di contributo a fondo perduto: automatico, alternativo e perequativo.

Il fondo perduto perequativo è di tipo alternativo. Per richiedere ed ottenere questo tipo di contributo, bisogna presentare la dichiarazione dei redditi relativi all’anno d’imposta 2020 entro e non oltre il 10 settembre 2021.

Il contributo a fondo perduto perequativo si fonda sul peggioramento del risultato economico, non sul calo del fatturato.

Di recente, il Consiglio Nazionale dei Commercialisti ha richiesto tramite una lettera rivolta al Ministro Franco una proroga di questa scadenza, uno slittamento al 31 ottobre. Si attende una risposta in merito.

Contributo a fondo perduto perequativo: condizioni e requisiti per richiederlo

Per sostenere le attività economiche maggiormente colpite dalla pandemia Covid-19, il Decreto Sostegni bis riconosce un contributo a fondo perduto in favore di imprese, arti e professioni, partite IVA residenti in Italia e soggetti con reddito agrario.

Il richiedente non deve superare i 10 milioni di euro di ricavi o compensi nel 2° periodo di imposta precedente all’entrata in vigore del decreto.

Il contributo viene concesso a patto che risulti un peggioramento del risultato economico d’esercizio registrato nel 2020 rispetto al 2019. L’entità del peggioramento viene definita in percentuale con decreto del MEF.

L‘importo del contributo verrà determinato applicando la percentuale definita dal MEF alla differenza del risultato economico tra l’anno 2020 e l’anno 2019 al netto di eventuali contributi a fondo perduto riconosciuti dall’AdE. Ad ogni modo, l’importo del contributo non può superare i 150mila euro.

In alternativa, il contribuente può richiedere il riconoscimento del contributo in forma di credito d’imposta da usare soltanto in compensazione presentando il modello F24.

Come presentare domanda per il contributo a fondo perduto perequativo

Come anticipato, c’è un termine per inviare la richiesta di contributo a fondo perduto: la denuncia dei redditi deve essere presentata entro il 10 settembre 2021.

L’istanza deve essere trasmessa per via telematica all’Agenzia delle Entrate indicando la sussistenza dei requisiti richiesti.

Può essere presentata per conto dell’interessato anche da un intermediario delegato al servizio del cassetto fiscale AdE entro 30 giorni dalla data di avvio della procedura telematica.

I dettagli dell’istanza (modalità di effettuazione, contenuto informativo, termini di presentazione, campi delle dichiarazioni dei redditi 2019 e 2020 con relativi risultati economici, ecc.) vengono definiti tramite provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate.

Argomenti: , ,