Fisco e tasse nascoste: quali paghiamo senza saperlo?

La maggior parte delle tasse che paghiamo non ci pesa perchè è versata in maniera inconsapevole, vediamo perchè e di cosa si tratta.

di , pubblicato il
La maggior parte delle tasse che paghiamo non ci pesa perchè è versata in maniera inconsapevole, vediamo perchè e di cosa si tratta.

Le tasse che gravano sulle famiglie italiane nel 96% dei casi sono prelevate alla fonte e sono quindi inconsapevoli, mentre solo il 4% di quanto viene versato al Fisco è versato in maniera consapevole.

Le tasse versate in maniera consapevole, ovvero quelle che si pagano attraverso un’operazione presso sportelli bancari o postali o tramite l’home banking, sono quelle relative a bollo auto, Tari, Tasi, Imu, tasse per le quali le famiglie italiane percepiscono maggiormente il peso economico nei versamenti.

Tasse come l’Irpef, prelevate alla fonte (in busta paga, quindi) sono psicologicamente meno pesanti per i contribuenti, così come i contributi previdenziali che sono prelevati direttamente sulla busta paga.

A fare i conti ci ha pensato, come al solito, la Cgia di Mestre che ha calcolato che su ogni famiglia italiana il prelievo fiscale complessivo è in media di 17mila euro (per una famiglia tipo di marito e moglie e un figlio a carico).

Con questa analisi la Cgia voleva “ dimostrare che il prelievo effettuato con il sostituto di imposta origina un rapporto tra il fisco e i lavoratori dipendenti molto diverso da quello intrattenuto dai lavoratori autonomi che, per loro natura, sono chiamati a pagare in misura consapevole la gran parte del proprio carico fiscale” proprio per questo i lavoratori autonomi manifestano un’insofferenza maggiore a quella manifestata dai lavoratori dipendenti nei confronti delle tasse.

Quello che vuol dimostrare la Cgia è che solo nel momento che si mette mano al portafogli per pagare una tassa o un’imposta si prende realmente atto dell’entità del pagamento facendo scattare una forma di avversione nei confronti del Fisco. Quando, invece, i tributi vengono riscossi alla fonte l’operazione è meno avvertita perchè più astratta.

Riguardo la pressione fiscale la Cgia fa notare che “Gli ultimi dati disponibili ci dicono che in Italia la pressione fiscale è di oltre 4 punti percentuali superiore a quella tedesca, di 6 punti rispetto a quella olandese, di 9 nei confronti di quella spagnola e di oltre 13 se la comparazione viene eseguita con quella irlandese”.

Ma quali sono le vere tasse nascoste di cui, realmente non ci rendiamo conto? Ogni volta che facciamo il pieno di carburante alla nostra automobile, ogni volta che paghiamo le bollette di luce e gas ci facciamo anche carico delle accise senza tenere conto delle imposte che sono incorporate nei pagamento dell’assicurazione, del pagamento del bollo auto e dei conti correnti. In tutto ciò il peso è rappresentato dall’Iva che paghiamo ogni volta che acquistiamo un bene o un servizio.

Le tasse nascoste pesano su ogni famiglia italiana per 5230 euro ogni anno, ovvero il 31% del totale.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , , , ,

I commenti sono chiusi.