Fisco light per gli ENC dal 2021

Dal periodo d’imposta 2021 sarà meno oneroso per gli ENC (enti non commerciale) pagare le imposte

di , pubblicato il
Dal periodo d’imposta 2021 sarà meno oneroso per gli ENC (enti non commerciale) pagare le imposte

Riduzione della tassazione dei dividendi per gli enti non commerciali, purché siano rispettate determinate condizioni. E’ questa una delle novità contenute nella legge di bilancio 2021 (commi da 44 a 47).

Detassazione degli utili per gli ENC dal 2021

In dettaglio è stabilito che gli utili percepiti dagli enti pubblici e privati diversi dalle società, nonché dai trust che non hanno per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attività commerciale

  • non concorreranno alla formazione del reddito imponibile IRES nella misura del 50%.

La misura agevolativa si applicherà a decorrere dal periodo d’imposta 2021 e tra i beneficiari vi rientrano anche le stabili organizzazioni di detti enti nel territorio dello Stato.

Sono, invece, esclusi dall’agevolazione fiscale gli utili provenienti da partecipazioni che i citati enti hanno in imprese o enti residenti o localizzati in Stati o territori a regime fiscale privilegiato.

I requisiti per la detassazione degli utili degli ENC

Condizione essenziale per l’accesso alla detassazione è che gli enti in questione esercitino, senza scopo di lucro, in via esclusiva o principale una o più attività di interesse generale per il perseguimento di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale nei seguenti settori:

  • famiglia e valori connessi; crescita e formazione giovanile; educazione, istruzione e formazione (incluso l’acquisto di prodotti editoriali per la scuola); volontariato, filantropia e beneficenza; religione e sviluppo spirituale; assistenza agli anziani; diritti civili
  • prevenzione della criminalità̀ e sicurezza pubblica; sicurezza alimentare e agricoltura di qualità; sviluppo locale ed edilizia popolare locale; protezione dei consumatori; protezione civile; salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa; attività̀ sportiva, prevenzione e recupero delle tossicodipendenze; patologia e disturbi psichici e mentali
  • ricerca scientifica e tecnologica; protezione e qualità ambientale
  • arte, attività̀ e beni culturali.

Altra condizione da rispettare è che il risparmio d’imposta conseguito sia destinato al finanziamento delle attività di interesse generale di cui sopra, accantonando l’importo non ancora erogato in una riserva indivisibile e non distribuibile per tutta la durata dell’ente.

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: ,