Fisco, la top ten delle tasse più alte per gli italiani

11.800 euro di tasse in media che paga ogni italiano, compresi bambini e centenari. Ecco lo studio della CGIA di Mestre che stila la classifica delle tasse più alte per famiglie e imprese

di , pubblicato il

Irpef, Iva, Irap, imposta sugli oli minerali e derivati , Ires, Imu, imposta sui tabacchi, addizionale regionale Irpef, ritenute su interessi e altri redditi da capitale, imposta sul lotto e le lotterie. Ecco la top ten delle 10 tasse più gravose per le tasche degli italiani.

Tasse: la classifica della CGIA di Mestre

Imu, bollo auto, contributi Inps, Irpef, Irap, Iva. Tasse, ecco la top ten delle cento imposte che gravano sui contribuenti italiani, stilata dalla CGIA di Mestre. Tra addizionali, imposte, ritenute, tasse e tributi, l’Associazione degli artigiani ha contato un centinaio di balzelli che fanno incassare allo Stato, solo le prime dieci, 413,3 miliardi di euro. Vediamo quali sono.

Tasse: la più curiosa e la più odiata

Dallo studio della CGIA di Mestre emerge che la tassa più curiosa è quella applicata dalle Regioni sulle emissioni sonore degli aeromobili. La tassa più odiata dagli italiani è, molto probabilmente, l’Imu che da quest’anno paghiamo solo sulle seconde e terze case e sugli immobili ad uso produttivo/commerciale.

Tasse persone fisiche: quali sono le più care

[fumettoforumright]

Nella lista delle 100 tasse a carico dei contribuenti italiani, le due più importanti che gravano maggiormente sui nostri portafogli, secondo lo studio della CGIA di Mestre, sono da una parte l’Irpef, l’imposta sul reddito delle persone fisiche e dall’altra l’Iva, l’imposta sul valore aggiunto. Se nel caso dell’Irpef, lo Stato incassa 164 miliardi di euro all’anno, nel caso dell’Iva sono poco più di 93 miliardi di euro.

Tasse imprese: le più care

Per quanto riguarda le imprese invece, le tasse più gravose sono l’Irap, l’imposta  regionale sulle attività produttive con i suoi 33, 2 miliardi di euro confluiti nelle casse erariali e l’Ires, l’imposta sul reddito delle società che permette allo Stato di ricevere 32,9 miliardi di euro.

Tasse: 11.800 euro la media a persona

Una cifra considerevole insomma. A commentare questi numeri il segretario della CGIA, Giuseppe Bortolussi, secondo cui “quest’anno ciascun italiano pagherà mediamente 11.800 euro di imposte, tasse e contributi previdenziali. E in questo conto sono compresi tutti i cittadini, anche i bambini e gli ultra centenari”. Bortolussi punta il dito però contro i servizi inadeguati e non proporzionati che famiglie e imprese ricevono nonostante una cifra enorme di tasse che versano allo Stato.

Troppe tasse e servizi inadeguati: la denuncia di Bortolussi

 “Il dato disarmante” – afferma Bortolussi – “è che gli italiani non usufruiscono di servizi adeguati. Molto spesso, nel momento del bisogno, il cittadino è costretto a rivolgersi al privato, anzichè utilizzare il servizio pubblico. Questa situazione si traduce in un concetto molto semplice: spesso siamo costretti a pagare due volte lo stesso servizio. Gli esempi che si possono fare sono moltissimi: succede se dobbiamo inviare un pacco, se abbiamo bisogno di un esame medico o di una visita specialistica, di spostarci, ma anche nel momento in cui vogliamo che la giustizia faccia il suo corso in tempi ragionevoli con quelli richiesti da una società moderna”.

Argomenti: ,