Firma digitale: piena efficacia dal 1° luglio 2016

Dal 1° luglio 2016 la firma digitale ha piena efficacia, secondo il Regolamento UE eIDAS. L'identificazione elettronica delle persone fisiche e giuridiche vengono riconosciute da parte di un altro Stato membro.

di , pubblicato il
Dal 1° luglio 2016 la firma digitale  ha piena efficacia, secondo il Regolamento UE eIDAS.  L'identificazione elettronica delle persone fisiche e giuridiche vengono riconosciute da parte di un altro Stato membro.

Dal 1° luglio 2016 la Firma digitale  ha piena efficacia, secondo il Regolamento UE eIDAS – electronic IDentification Authentication and Signature .

Il regolamento detta le condizioni in base alle quali gli Stati membri riconoscono reciprocamente i mezzi di identificazione elettronica delle persone fisiche e giuridiche notificati e riconosciuti da parte di un altro Stato membro.

Il regolamento eIDAS è appicabile in tutti i settori e, quindi, anche per quanto riguarda i rapporti con la pubblica amministrazione (accesso ai servizi online, appalti pubblici).

Il regolamento mira a rafforzare la fiducia nelle transazioni elettroniche nel mercato interno, fornendo una base comune per interazioni elettroniche sicure fra cittadini, imprese e autorità pubbliche, in modo da migliorare l’efficacia dei servizi elettronici pubblici e privati, nonché dell’eBusiness e del commercio elettronico, nell’Unione europea.

Firma digitale e servizi fiduciari

Con la firma elettronica sono stabilite le norme di dettaglio riguardanti i servizi fiduciari.

Sono numerosi gli articoli del regolamento dedicati ai requisiti di sicurezza e alle responsabilità a carico di chi presta i servizi, affinché siano soddisfatti i requisiti che consentono il riconoscimento quali servizi fiduciari qualificati.

Ai sensi del regolamento il servizio fiduciario è un servizio elettronico fornito normalmente dietro remunerazione e consistente, alternativamente, nei seguenti elementi:

a)  creazione, verifica e convalida di firme elettroniche, sigilli elettronici o validazioni temporali elettroniche, servizi elettronici di recapito certificato e certificati relativi a tali servizi;

b)  creazione, verifica e convalida di certificati di autenticazione di siti web;

c)  conservazione di firme, sigilli o certificati elettronici relativi a questi servizi.

E’ “qualificato” il servizio fiduciario che soddisfa i requisiti stabiliti nel regolamento.

Leggi anche:

SPID: identità digitale gratis per due anni

Spid: ecco come si ottiene l’identità digitale

Argomenti: , , , ,