Finanziamenti Agevolati: sospensione dei rimborsi fino al 30 giugno

Prevista la possibilità di sospendere il rimborso delle rate dei finanziamenti agevolati, concessi alle imprese confiscate o sequestrate alla criminalità organizzata.

di , pubblicato il
Finanziamenti agevolati

Per far fronte allo stato di emergenza sanitaria del Coronavirus e delle relative politiche di contenimento adottate dal nostro Paese, è stata prevista la possibilità di sospendere il rimborso delle rate dei finanziamenti agevolati, concessi alle imprese confiscate o sequestrate alla criminalità organizzata, fino al 30 giugno 2021, in coerenza con quanto previsto ai sensi dall’articolo 56 del cosiddetto Decreto Cura Italia.

Lo rende noto il Ministero dello sviluppo economico con una nota del 26 gennaio 2021 pubblicata sul proprio sito. Vediamo meglio di cosa si tratta.

Finanziamenti agevolati, sospensione dei rimborsi fino al 30 giugno

Secondo quanto appena comunicato dal Ministero dello sviluppo economico, attraverso la nota sopra citata, le imprese confiscate o sequestrate alla criminalità organizzata, beneficiarie dei finanziamenti agevolati, possono chiedere la sospensione fino al 30 giugno 2021 del pagamento della rata, ottenendo una dilazione del piano di rimborso. Tutte le rate successive, dunque, saranno conseguentemente dilazionate a partire dal 31 dicembre 2021.

Come richiedere la sospensione dei rimborsi?

Per richiedere la sospensione della rata e la dilazione del piano di rimborso, il soggetto interessato deve trasmettere un’apposita domanda con la quale si attesta “di aver subito in via temporanea carenze di liquidità quale conseguenza diretta della diffusione dell’epidemia da COVID-19”.

La domanda, spiega il Ministero, dovrà essere trasmessa mediante una procedura informatica, collegandosi al portale “Attuazione DGIAI” (https://attuazionedgiai.mise.gov.it).

Il Ministero procederà a trasmettere ai richiedenti il provvedimento di variazione del decreto di concessione contenente, tra l’altro, il nuovo piano di ammortamento delle rate.

Articoli correlati

Argomenti: ,