Figli adottivi: come e quando possono cercare i propri genitori biologici?

Come devono, i figli adottati, iniziare la ricerca dei propri genitori biologici?

Condividi su
Seguici su
Patrizia Del Pidio

figli-adottati

Per i figli adottati la legge consente di accedere all’identità della propria famiglia di origine una volta compiuti i 25 anni.  Un giovane adottato, quindi, al compimento dei 25 anni  (se sussistono motivi psico fisici per il giovane l’età scende a 18 anni)  può cercare i propri genitori biologici.

Per quel che riguarda i minorenni, invece, per la ricerca dei propri genitori biologici occorre l’autorizzazione con decreto per la ricerca a patto che la cosa non turbi l’equilibrio psicofisico del minore.

Se il ragazzo adottato è maggiorenne e i genitori adottivi sono deceduti o irreperibili, non è necessario il via libera del Tribunale.

Ricerca genitori biologici: a chi non è consentita

Non è consentito ricercare i propri genitori biologici ai bambini adottati che non sono stati riconosciuti alla nascita oppure per i figli dati in adozione la cui madre biologica, alla nascita, ha firmato la richiesta di restare anonima. In quest’ultimo caso, però, il figlio potrebbe avviare la ricerca una volta compiuti i 100 anni.

Come cercare i genitori biologici?

Lo strumento più utilizzato dai giovani che ancora non hanno compiuto 25 anni, resta Internet con delle apposite pagine dedicate sui social network: i figli dati in adozione possono pubblicare le proprie fotografie e quel poco che sanno del proprio passato in attesa che i genitori biologici, o un parente, possano farsi avanti per fornire una strada da seguire.

Nel momento che internet  non aiuta, i figli adottati, con molta pazienza iniziano la ricerca che, non sempre, otterrà la collaborazione necessaria. Di solito il primo passo è recarsi nel luogo in cui si è nati richiedendo la cartella clinica relativa alla propria nascita. Non sempre, però, le cliniche sono disponibili a svelare il nome della madre biologica. Un’altra strada che si può percorrere è quello di recarsi all’anagrafe del Comune in cui si è nati richiedendo il certificato di nascita originale e la domanda di decreto di adozione con la speranza che in uno dei due documenti sia riportato il nome dei genitori biologici.

Per chi, invece, ha compiuto già i 25 anni è possibile presentare istanza in carta semplice al Tribunale dei Minori. Il giudice convocherà il richiedente per informarlo se la sua richiesta può essere accolta oppure no.

Seguici su Facebook

Condividi su
Seguici su
Argomenti:   Adozione

Commenta la notizia


Il nostro Magazine: Fisco

View my Flipboard Magazine.



GUIDA: Adozione

SULLO STESSO TEMA