Ferie non pagate: il datore deve provare la retribuzione

Ferie non retribuite: cosa deve fare il lavoratore per pretendere il pagamento di quelle dovute

di , pubblicato il
Ferie non retribuite: cosa deve fare il lavoratore per pretendere il pagamento di quelle dovute

Per le cause per le ferie non pagate non si applica il principio dell’onere della prova a carico del lavoratore che si ritrova invece nel caso di lavoro straordinario. I giudici della Cassazione in questa fattispecie hanno ribaltato la prospettiva: tocca al datore di lavoro provare di aver pagato regolarmente il periodo delle ferie.

Ferie e straordinari non pagati: differenze

Sebbene quindi lo scopo sia comunque quello di pretendere un pagamento dovuto, dal punto di vista processuale le due fattispecie sono ben diverse, soprattutto per quanto concerne l’onere della prova.

 

Straordinari non pagati: come pretenderli

Per la retribuzione dovuta per lavori al di fuori dell’orario di ufficio, è il lavoratore che deve dimostrare di aver lavorato più ore nell’arco della stessa giornata o in altri giorni (anche domeniche o giorni festivi) e deve anche saper quantificare gli straordinari dal punto di vista temporale indicando in modo puntuale il numero complessivo di ore eccedenti il tempo prestabilito lavorate (tramite registri presenze o colleghi testimoni). Non è infatti nella competenza del giudice poter fare una stima forfettaria. Questo significa che non basta denunciare di aver lavorato “molte” domeniche, bisogna sapere indicare con precisione quale ed avere le relative prove a sostegno della propria versione dei fatti.

Ferie non retribuite: come tutelarsi

La stessa prova invece non è richiesta nel caso di ferie non retribuite. In questa ipotesi anzi l’onere della prova si ribalta per cui è il datore a dover dimostrare l’avvenuto pagamento per il periodo feriale. Le fe

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.