Ferie e lavoro: quanti italiani non staccano mai la spina?

La vacanza, quella vera, è quella lontano dalle incombenze professionali oppure lavoro e ferie possono coesistere? Sempre più italiani reperibili anche in spiaggia

di , pubblicato il
La vacanza, quella vera, è quella lontano dalle incombenze professionali oppure lavoro e ferie possono coesistere? Sempre più italiani reperibili anche in spiaggia

Quanti italiani non staccano la spina dal lavoro neppure quando sono in ferie? Troppi, almeno a giudicare dai  dati del rapporto Randstad Workmonitor. Colpa dell’evoluzione del mondo del lavoro, sempre più dinamico, tecnologico e meno rigido per quanto riguarda postazioni e orari. E se da una parte questo è un bene perché lascia maggiore flessibilità organizzativa, dall’altra il rischio è quello di non smettere mai di lavorare.

Lo smartworking non è più tanto smart?

Ferie e lavoro: la reperibilità è smart?

Stando al sondaggio sopra citato è proprio quello che succede a poco più della metà degli italiani: il 55% ha ammesso di essere reperibile anche durante le ferie per chiamate di lavoro o email professionali. Si tratta in prevalenza di autonomi e professionisti ma anche dipendenti privati. E forse colpisce il fatto che gli italiani siano più stakanovisti in vacanza rispetto alla media europea, ferma al 47%. C’è però anche chi fa peggio degli italiani: per i cinesi lavorare anche durante le ferie non è affatto strano tanto che ammetterle di farlo l’81% dei lavoratori. I più rilassati sono invece i lavoratori del nord Europa (svedesi, svizzeri, danesi e tedeschi), tutti con percentuali che oscillano tra il 20% e il 40%. E se i lavoratori dipendenti lo fanno su richiesta del datore di lavoro, autonomi e professionisti spesso mantengono la reperibilità per scelta e perché lo considerano “normale”, come dichiarano 6 intervistati su 10. Per altri è una sorta di contrappasso per le faccende private sbrigate durante l’orario di lavoro. Insomma la sensazione che si ha è che chiamate di lavoro ed email non siano elemento di disturbo durante le ferie. Ma è proprio così? In realtà gli esperti mettono in guardia: ferie e lavoro devono restare separati, confond

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.