Fattura elettronica verso San Marino, si parte ad ottobre: per adesso nessun obbligo

Scatta il primo ottobre il periodo transitorio che accompagnerà all’obbligo di fattura elettronica da e verso San Marino

di , pubblicato il
Fattura elettronica verso San Marino, si parte ad ottobre: per adesso nessun obbligo

Ancora pochi giorni e sarà aperta la strada che porterà le partite iva verso l’obbligo di fattura elettronica nei confronti degli operatori IVA di San Marino.

La data è fissata al 1° ottobre 2021 con la previsione di un periodo transitorio fino al 30 giugno 2022.

E-fattura verso San Marino: il periodo transitorio

Secondo quanto previsto dal decreto MEF del 21 giugno 2021 (pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 15 luglio 2021), a decorrere dal 1° luglio 2022, per le cessioni di beni effettuate nell’ambito dei rapporti di scambio tra gli operatori IVA italiani e quelli di San Marino, la fattura, nonché la nota di variazione, devono essere obbligatoriamente emesse in formato elettronico utilizzando lo SDI (Sistema di Interscambio).

E’, comunque, fissato un periodo transitorio che va dal 1° ottobre 2021 al 30 giugno 2022. In altri termini:

  • nel periodo 1° ottobre 2021 – 30 giugno 2022, la fatturazione da e verso San Marino può essere sia cartacea che elettronica
  • dal 1° luglio 2022 (salvo proroghe), la fatturazione da e verso San Marino potrà essere solo elettronica.

Soggetti esclusi

Restano, in ogni caso esclusi dal nuovo obbligo gli operatori IVA italiani per i quali già il regime della fattura elettronica è facoltativa, come ad esempio coloro che operano in regime forfettario oppure di vantaggio per l’imprenditoria giovanile.

Ricordiamo, infine, che le modalità attuative del nuovo obbligo sono contenute nel Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 5 agosto 2021 e che è definito anche il codice alfanumerico “2R4GT08” che l’esercente italiano dovrà indicare nell’e-fattura emessa verso un operatore Iva sammarinese.

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: ,