Fattura elettronica, normativa: cosa prevede la legge?

Le regole per la fattura elettronica

di , pubblicato il
Le regole per la fattura elettronica

Dal 15 marzo 2015 la legge 244/2007, modificata dal Decreto Legislativo 201/2011 ha reso obbligatoria la fatturazione elettronica verso la Pa, la normativa che regolamenta l’emissione della fattura elettronica è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale lo scorso 12 gennaio. Le regole tecniche per l’archiviazione e la trasmissione di documenti tramite strumenti digitali sono contenute nel Codice dell’Amministrazione digitale. Anche se la fattura elettronica è una novità abbastanza recente la normativa che la regola è semplice e lineare che comporta, contro il dover imparare una nuovo procedura, innumerevoli vantaggi.     Iniziamo con il dire che la fatturazione elettronica è diventata un obbligo per alcune Amministrazioni Statali a partire dal 6 giugno 2014 poiché a partire da quella data sussiste l’obbligo, per l’Amministrazione Statale, di non poter più accettare fatture in formato cartaceo. Come si produce una fattura elettronica?     La fattura innanzitutto deve essere prodotta nel formato standard chiamato XLM: in questo formato vengono inserite le informazioni che riguardano la fattura, compilando un file in formato testo, leggibile da qualsiasi programma, invece che un foglio stampato.

Anche per procedere all’invio si dovrà inviare un file invece che presentare un foglio stampato. Il file va firmato elettronicamente e poi inviato tramite posta elettronica. La generazione del file XML è possibile tramite qualsiasi programma predisposto, molti sono gratuiti, per procedere con la firma digitale bisogna richiedere alla Camera di Commercio o ad un Certificatore abilitato il suo rilascio.  

Regole Fattura elettronica

Le regole per la fattura elettronica sono entrate in vigore lo scorso 11 febbraio, decorsi 30 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DPCM. A partire da quella data tutta la Pa dovrà provvedere ad adeguarsi all’abbandono del cartaceo entro 18 mesi. Una novità assoluta riguarda i metadati che vengono associati al documento informatico immodificabile. I metadati minimi sono costituiti da: • l’identificativo univoco e persistente; • il riferimento temporale di cui al comma 7; • l’oggetto; • il sogget

.
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti:

I commenti sono chiusi.