Farmaco antibatterico ritirato dal mercato, elevati livelli di istamina nel gentamicina solfato

Ritirato dal mercato, un importante farmaco antibatterico, conteneva elevati livelli di istamina nella gentamicina solfato.

di , pubblicato il
Ritirato dal mercato, un importante farmaco antibatterico, conteneva elevati livelli di istamina nella gentamicina solfato.

Farmaco antibatterico contenente quantità elevati di istamina nel gentamicina solfato, ritirato dal mercato perché pericoloso per la salute. Il farmaco è il Gentomil, la società Pfizer, ha comunicato di aver iniziato una procedura di ritiro dalle farmacie di alcuni lotti.

La decisione del ritiro si è reso necessario a seguito di controlli effettuati e con il riscontro di elevati livelli di istamina presenti nella sostanza attiva della gentamicina solfato, prodotta dalla ditta Fujian Fukang in Cina, usata nel processo produttivo del medicinale Gentomil.

Farmaco antibatterico: lotti ritirati

Le confezioni ritirate dal mercato riguardano:

GENTOMIL*IM IV 10F 80MG 2ML – AIC 029314059, lotti n. 5155 con scadenza luglio 2020, n.  5174 scadenza ottobre 2020, n.  5187  scadenza novembre 2020 e n.  6021 scadenza febbraio 2021.

Farmaco Gentomil: usato per le seguenti infezioni

Trattamento delle infezioni da germi sensibili alla gentamicina:

  • Forme pleuro-polmonari: bronchiti, broncopolmoniti, polmonite franca-lobare, pleuriti, empiemi.
  • Infezioni urinarie acute e croniche: cistiti, pieliti, cistopieliti, pielonefriti, calcolosi infette (del bacinetto, dell’uretere, della vescica), uretriti, prostatiti, vescicoliti.
  • Stati settici: batteriemie, setticemie, setticopiemie, sepsi neonatali.
  • Infezioni del sistema nervoso: meningiti, meningoencefaliti, ecc.
  • Infezioni chirurgiche: ascessi, flemmoni, osteomieliti, infezioni traumatiche.
  • Infezioni otorinolaringoiatriche: otiti medie purulente, sinusiti, mastoiditi, tonsilliti, faringotonsilliti.
  • Infezioni ostetrico-ginecologiche: aborto settico, metriti, parametriti, salpingiti, salpingo- ovariti, pelviperitoniti, mastiti, ecc.
  • Ustioni: infezioni insorte nelle gravi ustioni e nei trapianti cutanei, eventualmente in associazione alla forma topica.

Leggi anche: Allerta farmaci contaminati

 

Argomenti: , ,