Fare la spesa in un comune diverso da quello in cui si abita, adesso, è sempre consentito (anche in zona rossa)

Gli spostamenti verso Comuni diversi da quello in cui si abita sono vietati, salvo che per specifiche esigenze o necessità. Fare la spesa rientra sempre fra le cause giustificative degli spostamenti.

di , pubblicato il
Gli spostamenti verso Comuni diversi da quello in cui si abita sono vietati, salvo che per specifiche esigenze o necessità. Fare la spesa rientra sempre fra le cause giustificative degli spostamenti.

Il Governo cambia idea su spostamenti tra comuni nelle zone Rosse e Arancioni.

In data 13 novembre, è stata modificata una delle tante risposte alle domande frequenti (FAQ) relative alle misure adottate dal Governo. In particolare, quella che riguarda la possibilità di fare la spesa in un comune diverso da quello in cui si abita.

Zona rossa e Arancione, la spesa in un altro comune è sempre consentita

A partire da lunedì 16 novembre, con la modifica alla FAQ sopra menzionata, il Governo chiarisce che gli spostamenti verso Comuni diversi da quello in cui si abita sono vietati, salvo che per specifiche esigenze o necessità.

Fare la spesa, adesso, rientra sempre fra le cause giustificative degli spostamenti.

In particolare, in Governo chiarisce quanto segue:

“Laddove quindi il proprio Comune non disponga di punti vendita o nel caso in cui un Comune contiguo al proprio presenti una disponibilità, anche in termini di maggiore convenienza economica, di punti vendita necessari alle proprie esigenze, lo spostamento è consentito, entro tali limiti, che dovranno essere autocertificati”.

Articoli correlati

Nuovo Dpcm, ecco i negozi che resteranno aperti nelle zone rosse

Coronavirus in Italia, con la mappa tech è ancora più facile capire le zone

Parrucchieri ed estetisti aperti anche nelle zone rosse con il nuovo Dpcm

Argomenti: ,