False partite IVA: controlli dal 1 gennaio 2015

Scattano i controlli sulle false partite IVA dal 1 gennaio 2015. Ecco chi sono i soggetti attenzionati e cosa succederà

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
Scattano i controlli sulle false partite IVA dal 1 gennaio 2015. Ecco chi sono i soggetti attenzionati e cosa succederà

Al via dal 1 gennaio 2015 i controlli sulle false partite IVA con le norme previste dalla riforma del lavoro Fornero, la legge n. 92 del 2012.

False partite IVA: arrivano i controlli

Riforma del lavoro che ha indicato degli indici presuntivi la cui sussistenza ( di almeno due) comporta la presunzione di subordinazione e quindi la falsa partita IVA, costringendo così il datore a trasformare il contratto di lavoro da falso autonomo in subordinato. In particolare, ai sensi della legge n. 92/2012,i titolari di partita Iva si presumono collaboratori a progetto se: o    la collaborazione “fittizia” dura più di 8 mesi nell’arco di un anno; o    dal rapporto il collaboratore si ricava più dell’80% del corrispettivo verso un unico committente; o    il collaboratore possiede una postazione “fissa” presso il committente (in un certo senso il collaboratore dovrà avere la sua postazione fissa nell’ufficio, con la sua scrivania).   APPROFONDISCI False partite Iva e collaborazioni a progetto, arrivano i controlli fiscali False partite Iva, ecco le novità della riforma Fornero   A fornire delucidazioni sui controlli per le false partite IVA è stata a suo tempo l’Inail, con la circolare n. 15/2013, con cui ha analizzato le novità della legge del lavoro Fornero. La partita Iva è un particolare strumento fiscale riservato, oltre che alle imprese, ai lavoratori autonomi ovvero a quei  lavoratori che si obbligano a compiere verso un corrispettivo un ‘opera o un servizio, con lavoro prevalentemente proprio e senza vincolo di subordinazione nei confronti del committente. Nella circolare, l’INAIL fornisce chiarimenti in merito agli indizi presuntivi per cui:

  •  la durata della collaborazione : tale periodo deve essere almeno pari a 8 mesi annui (ossia 241 giorni, anche non continuativi) per due anni consecutivi.
  •  Il fatturato: deve essere pari all’80% del ricavato nell’arco di due anni solari consecutivi. Si considerano i soli corrispettivi derivanti da prestazioni autonome (con esclusione delle prestazioni di lavoro subordinato, di lavoro accessorio o di altra natura) fatturate (indipendentemente da un effettivo incasso delle somme pattuite) nel biennio solare (2 periodi di 365 giorni non coincidenti necessariamente con il biennio civile)decorrente dal 18 luglio 2012.
  •  postazione fissa di lavoro : tale presupposto si verifica quando, negli archi temporali utili alla realizzazione di una delle altre condizioni indicate, il collaboratore possa usufruire di una postazione ubicata in locali in disponibilità del committente.

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Lavoro e Contratti, False partite IVA

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.