Evasione fiscale: on line i redditi dei cittadini

Combattere l ’evasione fiscale a livello locale pubblicando sul sito del Comune le dichiarazioni dei redditi dei cittadini. Servirà davvero?

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
Combattere l ’evasione fiscale a livello locale pubblicando sul sito del Comune le dichiarazioni dei redditi dei cittadini. Servirà davvero?
Evasione fiscale e pubblicazione dei redditi on line dei cittadini

Evasione fiscale. Male della società, strumento di contrasto alla crisi economica. I Comuni partecipano alla lotta all’evasione fiscale mettendo i redditi on line, dei propri cittadini, divisi per fasce di reddito. Ora un decreto del Presidente del Consiglio dei ministri ha stabilito i criteri e le modalità per pubblicare, sul sito del comune, i dati delle dichiarazioni dei redditi e ulteriori dati, tutto al fine di favorire la partecipazione dei Comuni all’attività di accertamento fiscale, alla lotta all’evasione fiscale.

Dichiarazione redditi on line

 In particolare si prevede, in base a questo decreto, che i dati delle dichiarazioni dei redditi, siano statisticamente elaborati dal Ministero dell’Economia e delle Finanze che, tramite la piattaforma informatica “Portale Federalismo Fiscale”, annualmente mette a disposizione dei comuni i principali dati aggregati relativi ai soggetti residenti nel proprio territorio di competenza. I redditi on line hanno come finalità precisa quella di combattere l’evasione fiscale. Questa novità di mettere i redditi on line, sul sito del Comune, prevede che gli stessi amministratori locali potranno essere autorizzati a pubblicare i dati anche spacchettandoli per determinate categorie di contribuenti o di redditi. Ad esempio il Comune potrebbe pubblicare solo quelli che stanno in una certa fascia di reddito, ma anche stabilire di rendere noti, per esempio, quelli dei professionisti o degli autonomi, oppure per determinate prestazioni di servizi.

 E la tutela della privacy?

 A tal fine di consentire ai comuni la pubblicazione sul proprio sito dei dati aggregati relativi alle dichiarazioni dei redditi, spetta al Dipartimento delle finanze mettere ogni anno un sottoinsieme di tabelle contenenti dati statistici aggregati riferiti esclusivamente alle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche, costruite nel rispetto della vigente normativa sulla tutela della privacy di cui al decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, recante “Codice in materia di protezione dei dati personali”. Inoltre sempre in tema di pubblicazione dei redditi on line al fine della lotta all’evasione fiscale, il DPCM prevede anche che prima di procedere alla pubblicazione sul proprio sito, i comuni segnalano, comunque, al Dipartimento delle Finanze, in base alla propria conoscenza del territorio, eventuali casi di evidente rischio di identificazione dei soggetti.

Servirà davvero questa misura a combattere l’evasione fiscale o si rileverà l’ennesima “lavaggio in pubblica piazza” degli “affari” dei cittadini giustificato dalla lotta al sommerso che ormai calpesta il diritto alla privacy degli stessi?

 

Sull’evasione fiscale potrebbe interessarti anche:

Evasione Fiscale – Il Fallimento del governo e l’ira europea, altra pressione sui mercati ?

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Evasione fiscale, Redditi e Dichiarazioni