Evasione fiscale, controlli estivi a tappeto

Nel weekend appena passato controlli a tappeto nelle piu' celebri località balneari d'Italia, da Porto Cervo a Jesolo fino ad Ostuni, che hanno rivelato per lo piu' la mancata emissione di scontrini fiscali

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il

Lotta all’evasione fiscale senza freni con una serie di controlli a tappeto in celebri località balneari durante il weekend appena passato.

Evasione fiscale: controlli estivi

Si ripete puntuale come ogni anno, durante le ferie d’agosto, i blitz delle Fiamme Gialle, coordinati dall’Agenzia delle entrate nelle celebri località balneari del belpaese:  da Porto Cervo a Capri, a Portofino, a Taormina, a Gallipoli e a Santa Margherita, sono stati messi in campo nel week end dall’Agenzia per le Entrate.

[fumettoforumright]

Le località sottoposte a controlli

Un lungo weekend di controlli fiscali su attività commerciali selezionati dopo un’attenta analisi del rischio fondata su elementi presenti nell’Anagrafe tributaria. 14 tra gioiellerie, istituti di bellezza, discoteche controllate a Porto Cervo, stessa cosa a Jesolo, Portofino Sottomarina in Veneto, ma anche al Sud i blitz delel Fiamme Gialle non si sono fatti attendere. Monopoli, Molfetta, Bari, Torre a Mare, Margherita di Savoia, Bisceglie, Barletta, Fasano, Ostuni, Mesagne, Peschici, Vieste, Mattinata, Legge, Gallipoli, Porto Cesareo, Cutrofano, Taranto, Leporano, Taormina, Cefalù e Catania. Una maxi operazione che ha rivelato per lo piu’ una mancata emissione dello scontrino da parte degli esercizi commerciali.

FipeConfcommercio: sì ai controlli ma non in orari di punta

Favorevole ai controlli per l’evasione fiscale, ma non in orari di punta la Fipe-Confcommercio che tramite il suo presidente Stoppani, rivela che i “i controlli finalizzati all’emersione dell’evasione fiscale sono  necessari per ripristinare regole corrette per tutti ma non vanno fatti attraverso la spettacolarizzazione. Seppure sia giusto compiere gli accertamenti” – ha detto Stoppani – “ sia sbagliato tuttavia farlo in orari di punta quando ci sono clienti e dipendenti. Ritengo sia opportuno rispettare le esigenze degli ispettori ma anche degli imprenditori”.

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Evasione fiscale

I commenti sono chiusi.