Esterometro entro il 30 aprile, Intrastat il 26 aprile e fattura elettronica 2019

Esterometro con scadenza entro il 30 aprile, Intrastat con scadenza entro il 26 aprile e incertezze sulla fattura elettronica 2019.

di , pubblicato il
decreto dignità

Il mese di aprile è pieno di scadenze, tra le tante l’Esterometro con scadenza il 30 aprile 2019, l’Intrastat entro il 26 aprile 2019 per l’adempimento trimestrale, ma non mancano le incertezze con la fattura elettronica obbligatoria dal 1° gennaio 2019. Analizziamo alcuni punti e quale incertezze rilevano gli utenti.

Esterometro scadenza prorogata al 30 aprile 2019

Sono obbligati a presentare l’Esterometro tutti i soggetti passivi d’imposta Iva, residenti o stabiliti in Italia, la scadenza già prorogata è il 30 aprile 2019.

Con l’Esterometro bisogna comunicare le operazioni realizzate nel primo trimestre 2019 con consumatori finali e operatori economici non residenti, anche se identificati nel nostro Paese.

La norma all’articolo 1, comma 3-bis, dlgs 127/2015, prevede che i soggetti IVA residenti o stabiliti in Italia comunicano “telematicamente all’Agenzia delle Entrate i dati relativi alle operazioni di cessione di beni e di prestazione di servizi effettuate e ricevute verso e da soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato, salvo quelle per le quali è stata emessa una bolletta doganale e quelle per le quali siano state emesse o ricevute fatture elettroniche“.

L’Esterometro non esclude la trasmissione dei modelli Intrastat

Tanti i dubbi sull’esterometro e la trasmissione dei mod Intrastat che hanno scadenza il 26 aprile 2019 sia per i soggetti mensili che trimestrali, è stato chiarito dall’Agenzia che l’esterometro non esclude l’invio dell’Intrastat. Inoltre, deve essere firmato digitalmente e può essere spedito da un intermediario abilitato, ma solo viene consegnata all’intermediario delega specifica.

Incertezze sulla fattura elettronica

La normativa non chiarisce alcuni dubbi e incertezze in merito all’adempimento, in particolare non viene chiaro se i soggetti tenuti all’emissione della fattura elettronica.

Sussistono ancora varie incertezze in merito all’adempimento, in particolare non è chiaro se siano interessati i soli soggetti tenuti all’emissione della fattura elettronica, oppure anche i soggetti forfettari e minimi.

Sono escluse dall’obbligo di comunicazioni, le operazioni di importazione ed esportazione per le quali sia stata emessa una bolletta doganale.

Esterometro e fattura elettronica

Per le operative attive, la comunicazione può essere evitata a condizione che tutte le transazioni con i soggetti non residenti, pur se documentate con fattura analogica, siano state oggetto di trasmissione dei dati al Sistema d’interscambio (Sdi) con il formato dell’e-fattura e con indicazione del codice destinatario convenzionale “XXXXXXX”.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,