Esterometro, abolizione rimandata? Ecco la possibile nuova data

Possibile ripensamento sulla data di decorrenza dell’abolizione esterometro. Potrebbe essere ritoccata la data prevista dalla manovra 2021

di , pubblicato il
Esterometro, abolizione rimandata? Ecco la possibile nuova data

Il legislatore ci ripensa e vuole rimandare l’abolizione dell’esterormetro che era prevista dal 1° gennaio 2022.

Il rinvio è contenuto in un emendamento al decreto – legge n. 146 del 2021 (collegato fiscale alla manovra di bilancio 2022), in fase di conversione in legge.

Cos’è l’esterometro

L’esterometro, è istituito con il D. Lgs. n. 127 del 2015, con cui, in dettaglio, si è stabilito che

“i soggetti passivi IVA devono trasmettere telematicamente all’Agenzia delle Entrate i dati relativi alle operazioni di cessione di beni e di prestazione di servizi effettuate e ricevute verso e da soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato, salvo quelle per le quali è stata emessa una bolletta doganale e quelle per le quali siano state emesse o ricevute fatture elettroniche”.

Si tratta, quindi, della comunicazione (trimestrale) da trasmettere all’Agenzia delle Entrate, contenente le operazioni IVA fatte con soggetti esteri. L’esterometro non è da farsi laddove le operazioni siano documentate con bolla doganale o fattura elettronica.

Abolizione dell’esterometro dal 2022: arriva il rinvio di 6 mesi?

La manovra di bilancio 2021 aveva stabilito, tuttavia, che a decorrere 1° gennaio 2022 l’esterometro doveva scomparire, poiché, a prtite dal suddetto anno lo SdI (sistema di interscambio) diventerà l’unico canale di trasmissione sia per le fattura elettroniche sia per i dati riferiti alle operazioni con l’estero.

In altri termini, dal 2022 i dati relativi alle operazioni di cessione di beni e di prestazione di servizi effettuate e ricevute verso e da soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato italiano, dovranno essere trasmessi telematicamente utilizzando il Sistema di Interscambio secondo il formato della fattura elettronica.

Ora, però, se il tutto sarà confermato in sede di definitiva conversione in legge del decreto fiscale collegato alla manovra di bilancio 2022, l’abolizione dell’esterormetro slitterà di 6 mesi, ossia dal 1° luglio 2022 invece che dal 1° gennaio 2022.

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: ,