Estate 2017: dopo la maturità università o lavoro?

Questa del 2017 è stata per voi l'estate della maturità? Tra pochi giorni allora si apre il bivio: università o mondo del lavoro? Ecco cosa scelgono i neodiplomati in Italia.

di Alessandra De Angelis, pubblicato il
Questa del 2017 è stata per voi l'estate della maturità? Tra pochi giorni allora si apre il bivio: università o mondo del lavoro? Ecco cosa scelgono i neodiplomati in Italia.

Anche questa estate 2017 inizia ad avviarsi verso la fine. E’ crudele ricordarlo ora che siamo nel pieno del week end di Ferragosto ma soprattutto per chi ha fatto la maturità a giugno, dopo essersi goduto il meritato riposo, è tempo di pensare ad una delle scelte più importanti della vita: università o lavoro? E’ forse il primo bivio importante in cui si trovano i ragazzi e sicuramente ha effetto anche nel futuro a lungo termine.

Università o lavoro? L’estate ha portato consiglio?

Secondo i dati riportati dal portale Skuola.net, dedicato appunto agli studenti delle superiori, il 64% dei neodiplomati ha già le idee chiare: 2 studenti su 3 dei circa mille intervistati, hanno risposto che proseguiranno gli studi. Di questi sette su dieci hanno scelto un’università pubblica.

A tentare di trovare un lavoro entro fine 2017 sono soprattutto gli studenti degli istituti tecnici e professionali. Il 6% dei neodiplomati invece vuole tentare la carriera militare. Tra chi cercherà lavoro da settembre in poi non mancano i neodiplomati che, nonostante la giovane età, non escludono di trasferirsi all’estero.

Leggi anche:

Trovare lavoro dopo il diploma: quanto conta il voto della maturità?

I tre lavori senza laurea meglio retribuiti

Tre lavori senza laurea che resistono e hanno un futuro

Scegliere l’università in base alle possibilità di lavoro?

Il 29% degli aspiranti universitari focalizzerà la carriera universitaria nell’area medico-sanitaria, il 13% opterà per gli studi umanistici e linguistici, mentre restano indietro a sorpresa branche quali l’ingegneria e l’informatica (11%). La percentuale restante vede gli studenti divisi tra economia, psicologia, architettura, matematica e giurisprudenza.

Da ultimo segnaliamo una percentuale, non altissima ma comunque importante, di giovani che non si accontentano del relax di questa estate 2017 e sarebbero propensi ad organizzare un anno sabbatico, per capire meglio quale strada prendere tra università e lavoro e nel frattempo vedere il mondo.

Se vi siete diplomati quest’anno e volete raccontarci qualcosa della vostra estate o della scelta tra università e lavoro scriveteci a [email protected]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: News lavoro, Ricerca lavoro

I commenti sono chiusi.