Esenzione canone Rai 2016 ed addebito in bolletta: bisogna pagare in caso di errori?

In caso di addebito del canone Rai 2016 in bolletta per errore il contribuente che aveva diritto all’esenzione deve pagare e poi chiedere il rimborso?

di , pubblicato il
In caso di addebito del canone Rai 2016 in bolletta per errore il contribuente che aveva diritto all’esenzione deve pagare e poi chiedere il rimborso?

In caso di addebito del canone Rai 2016 in bolletta per errore il contribuente che aveva diritto all’esenzione deve pagare?

Da questa prospettiva si distinguono tre casi diversi, nei presupposti e negli effetti.

Esenzione canone Rai 2016: il modulo per l’autocertificazione

Esenzione canone e autocertificazione nei tempi: come non pagare

Il primo caso è quello del contribuente che non possiede la tv e ha inviato la comunicazione per l’esenzione entro il 16 maggio 2016 (compilando il quadro A). In questa fattispecie è possibile non pagare il canone.

Esenzione canone e autocertificazione in ritardo: bisogna pagare?

Se invece la comunicazione per l’esenzione è stata spedita tra il 16 maggio e il 30 giugno, la situazione si complica. Il contribuente infatti perde un semestre. Ma come interpretare questa disposizione? Si paga il canone al 50% oppure, tenendo conto che l’esonero vale da luglio a ottobre si pagano solo 40 euro? La risposta giusta sembra essere la prima.

Canone Rai in bolletta: evitare pagamenti doppi

Se invece il canone Rai è stato addebitato già su un’altra utenza, il contribuente è tenuto a compilare il quadro B della dichiarazione per l’esenzione, ma questo adempimento può essere effettuato in qualsiasi momento (non vale la scadenza del 16 maggio). Il rischio di errore nell’addebito del canone Rai in questo caso però è alto: se la comunicazione arriva in ritardo infatti la compagnia elettrica potrebbe non avere il tempo di provvedere all’esenzione nella bolletta di luglio.

Argomenti: ,