Eredità: quali sono gli scritti e i documenti con valore legale?

Non tutti gli scritti lasciati dal defunto possono avere valore di testamento: vediamo quali legalmente non valgono.

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
Non tutti gli scritti lasciati dal defunto possono avere valore di testamento: vediamo quali legalmente non valgono.

Quando muore un familiare può capitare di trovare diverse copie di testamento insieme ad appunti del defunto, documenti, indicazioni lasciate per i familiari etc.

Si potrebbe, tra le altre cose, trovare qualcosa che si avvicina molto ad un testamento, con tanto di data e firma, in cui il defunto si raccomanda di fare dei suoi beni divisioni eque e giuste senza, però, lasciare vere e proprie disposizioni. Una raccomandazione del genere può essere considerata un testamento? Quali scritti del defunto, per la legge, hanno un valore?

Eredità: quali scritti non sono testamento?

In base a diverse pronunce di tribunali e Corte di Cassazione è possibile stabilire quali scritti possono essere considerati legali e quali, invece, non possono essere equiparati ad un testamento. Tutti gli scritti che non contengono indicazioni specifiche, infatti, non possono essere considerati testamento. Se non ci sono indicazioni specifiche che chiariscano a chi devono andare i beni e in quale misura, anche senza fare nomi e cognomi. Ad esempio è valido uno scritto in cui il defunto abbia affermato di voler lasciare la casa al figlio maggiore, i terreni a quello di mezzo e la casa delle vacanza alla figlia minore. L’importante, per la validità dello scritto, è che non ci siano incertezze su come individuare i beneficiari dei lasciti.

In questa ipotesi, se il testamento è olografo, lo scritto è valido, in tutte le altre ipotesi gli scritti non hanno valore legale di testamento.

Possono, però, esserci anche delle disposizioni generiche che non sono incluse nel testamento che possono avere lo stesso valore del testamento: se in uno scritto, tra le varie disposizioni non legali, il defunto ha lasciato la volontà di essere cremato o di essere seppellito in un determinato luogo, per quella parte specifica lo scritto ha valore testamentario.

Possono poi esserci delle affermazioni che chiedano ai familiari di riunirsi, magari, per una determinata festa: in questo caso il valore testamentario c’è solo se alla richiesta è legata una condizione per entrare in possesso dell’eredità.

I documenti scritti, quindi, che contengono solo raccomandazioni possono essere ignorati dagli eredi.

Non sono validi, inoltre, testamenti in cui vengano lasciati tutti i debiti del defunto ad un solo erede (che potrebbe, in ogni caso, rifiutare l’eredità).

Leggi anche: Testamento olografo: come deve essere scritta la data per avere validità e Come impugnare un testamento olografo: motivi di nullità e annullabilità

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Diritto di famiglia, Testamento