Eredità: chi paga i debiti del defunto?

Eredità: facciamo chiarezza su chi deve pagare i debiti del defunto, quote di divisione ed eredità con beneficio di inventario.

di , pubblicato il
Eredità: facciamo chiarezza su chi deve pagare i debiti del defunto, quote di divisione ed eredità con beneficio di inventario.

Affrontiamo un argomento molto dibattuto, ossia chi deve pagare i debiti di un genitore defunto. Dopo la morte dei genitori, infatti, gli eredi devono provvedere a risolvere alcune questioni burocratiche come la dichiarazione di successione, il passaggio di proprietà degli immobili, disdette varie, divisione dell’eredità e voltura di utenze. Il problema più annoso è quello del pagamento di eventuali debiti lasciati dal parente.

Chi paga i debiti

La legge in merito dice che gli eredi, i quali hanno accettato l’eredità, hanno l’obbligo di saldare anche i debiti del genitore ma per le cartelle di pagamento non sono dovute sanzioni. Una volta defunti i genitori è necessario capire se sono stati lasciati dei debiti prima di accettare l’eredità considerando che questa comporta anche l’obbligo di dover provvedere al pagamento degli stessi. Accade spesso che i figli non sono in grado di sapere in anticipo se i genitori hanno lasciato dei debiti, quindi una volta accolto il patrimonio ci si trova a dover saldare anche i passivi.

Chi paga dunque i debiti e come si dividono? In linea di massima questi passano agli eredi, quindi figli, genitori o coniuge una volta accettata l’eredità. Solo una volta firmato l’atto formale in cui si accetta la successione anche i debiti diventeranno a carico degli eredi. Si hanno di tempo 10 anni per accettare o meno l’eredità, che scendono a 3 mesi nel caso di erede convivente con un defunto. In questo caso il parente deve fare l’inventario dei beni entro 90 giorni dall’apertura della successione ed entro 40 giorni informare se accetta o meno. La stessa cosa vale anche per il rifiuto dell’eredità, mentre per quanto riguarda l’eredità con beneficio di inventario, l’erede si farà carico anche dei debiti del genitore ma solo in maniera proporzionale rispetto a quanto ottenuto. Anche per l’eredità con beneficio di inventario i tempi sono gli stessi dei casi indicati sopra.

Parlando di ripartizione dei debiti bisogna dire che gli eredi devono provvedere al pagamento in base alle quote ereditate, non si va per gradi di parentela.

Un creditore può dunque pignorare anche beni che appartengono al patrimonio personale ma nei limiti della quota di eredità ottenuta mentre un  genitore è libero di fissare quote di divisione dei debiti divergenti rispetto alle quote. Infine bisogna sottolineare che gli eredi non devono pagare i debiti prescritti, così come non si pagano le sanzioni o le multe stradali.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,