Equitalia, rottamazione cartelle: guida completa con ultime novità, istruzioni e modello

Equitalia, rottamazione cartelle: ecco una guida completa con tutte le ultime novità, le istruzioni e il modello.

di , pubblicato il
Rottamazione cartelle quarta rata

Equitalia, Rottamazione cartelle esattoriali,  la Definizione agevolata prevista nell’articolo 6 del decreto legge n. 193/2016, si applicava alle somme riferite ai carichi affidati a Equitalia tra il 2000 e il 2015. La novità fondamentale è che prevede un taglio sulle sanzioni e sugli interessi.

Il decreto sta subendo una serie di cambiamenti importanti. Ecco una guida completa su tutte le novità.

Rottamazione cartelle esattoriali: le novità

Il decreto 193/2016, inizialmente stabiliva, secondo l’art.

6 che: “Relativamente ai carichi inclusi in ruoli, affidati agli agenti della riscossione negli anni dal 2000 al 2015, i debitori possono estinguere il debito senza corrispondere le sanzioni incluse in tali carichi, gli interessi di mora di cui all’articolo 30, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602, ovvero le sanzioni e le somme aggiuntive di cui all’articolo 27, comma 1, del decreto legislativo 26 febbraio 1999, n. 46, provvedendo al pagamento integrale, anche dilazionato, entro il limite massimo di quattro rate”.
L’art. 6 ha subito delle modifiche, sono stati inseriti nella rottamazione anche i carichi affidati da Equitalia nel 2016, inoltre le rate che originariamente erano 4 sono diventate 5.  Resta fermo che il 70% del debito dovrà essere pagato entro al fine del 2017.

Rottamazione cartelle esattoriali: modalità e tempi per la presentazione della domanda

Tra le novità, oltre l’inclusione dei debiti 2016 e l’aumento delle rate che da 4 passano a 5, slitta anche la presentazione della domanda di rottamazione cartelle, il termine ultimo è fissato al 31 marzo 2017.  Le scadenze delle rate saranno così suddivise:

  • tre rate, di pari importo,  nel 2017 nei mesi di luglio, settembre e novembre;
  • e due sempre di pari importo nel 2018, nei mesi di aprile e settembre.

Rottamazione cartelle Equitalia: a chi conviene aspettare e a chi aderire subito

Rottamazione cartelle esattoriali: modulo e istruzione domanda di adesione

L’adesione dà la possibilità di pagare i debiti accumulati senza interessi e sanzioni, anche se già iscritte a ruolo.  La rottamazione comprende tutte le cartelle, non solo quelle di Equitalia.  Il modulo per aderire alla definizione agevolata prevista all’art. 6 del dl 193/2016 è scaricabile dal portale di Equitalia oppure presso gli Sportelli dell’Agente di riscossione.


E’ possibile scaricare qui il modulo DA1.

Il modulo dovrà essere debitamente compilato in ogni sua parte e insieme ad un documento di identità valido, dovrà essere consegnato a mano presso gli Sportelli Equitalia o inviato a mezzo mail o alla casella e-mail/PEC della Direzione Regionale di Equitalia Servizi di riscossione di riferimento. 

E’ possibile scaricare qui le istruzioni per la corretta compilazione della domanda.

Equitalia, comunicherà al contribuente l’ammontare complessivo delle somme dovute e invierà i bollettini per il pagamento. Il pagamento può essere fatto in un’unica soluzione o a rate. Se la modalità di pagamento è a rate, le ultime novità hanno previsto il pagamento in 5 rate, ma il 70% del debito deve essere stato pagato entro l’anno 2017.

Rottamazione cartelle: chi è escluso?

L’accesso al nuovo sistema della rottamazione cartelle, include soltanto i debiti tributari o gli obblighi previdenziali o assistenziali.

La rottamazione è stata estesa anche alle multe: Rottamazione cartelle Equitalia, ultime novità: si a quelle vecchie e alle multe

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , ,