Entrate Tributarie Internazionali, segno negativo generalizzato

Le entrate tributarie europee sono diminuite sia per gli shock economici avvenuti simultaneamente dal lato della domanda e da quello dell’offerta, sia per i comportamenti di alcuni Governi che, in questi mesi, hanno attuato numerose sospensioni d’imposta.

di , pubblicato il
Le entrate tributarie europee sono diminuite sia per gli shock economici avvenuti simultaneamente dal lato della domanda e da quello dell’offerta, sia per i comportamenti di alcuni Governi che, in questi mesi, hanno attuato numerose sospensioni d’imposta.

Nei primi nove mesi del 2020 l’andamento delle entrate tributarie presenta variazioni di segno negativo rispetto all’analogo periodo del 2019 per tutti dei Paesi analizzati.

È quanto si legge nel report del dipartimento delle finanze del 16 novembre 2020.

Entrate tributarie internazionali

L’emergenza sanitaria del Coronavirus e le relative politiche di contenimenti adottate dai vari Governi hanno colpito duramente le economie europee.

Le entrate tributarie sono diminuite sia per gli shock economici avvenuti simultaneamente dal lato della domanda e da quello dell’offerta, sia per i comportamenti di alcuni Governi che, per alleggerire l’impatto sulle fasce produttive più penalizzate, in questi mesi hanno attuato numerose sospensioni d’imposta.

I paesi maggiormente colpiti

Il report del dipartimento delle finanze mette in luce lo scenario europeo relativo alle entrate tributarie dei primi nove mesi del 2020 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

In particolare:

  • In Irlanda diminuisce il gettito tributario del 3,0%;
  • La Francia registra la peggiore variazione (-13,0%), il risultato è la conseguenza, oltre che della crisi sanitaria, anche delle riforme fiscali più recenti;
  • in Spagna si osserva un lieve miglioramento del tendenziale (-9,6%) rispetto al mese scorso (-10,3%) e rispetto al dato di luglio (- 12,0%);
  • Nel Regno Unito su registra un calo tendenziale del 10,1%;
  • La Germania mostra una variazione tendenziale di segno negativo (-8,1%) in diminuzione rispetto al dato di agosto;
  • In Portogallo si registra una variazione tendenziale negativa (-8,3%), in calo rispetto al dato di agosto;
  • In Italia, infine, il gettito tributario mostra un decremento rispetto allo stesso periodo del 2019 (-6,6%).

Articoli correlati

Commercialisti: 460 mila piccole imprese italiane a rischio chiusura a causa del Coronavirus

Adempimenti fiscali di novembre: i commercialisti scrivono a Gualtieri per la proroga

 

Argomenti: ,