Entrate Fiscali dei Paesi OCSE, già in calo dal 2019

In generale, nel 2019, il rapporto medio tra imposte e Pil è sceso al 33,8%. Un calo di circa lo 0,1% rispetto all’anno precedente.

di , pubblicato il
Pressione fiscale OCSE

Le entrate fiscali dei Paesi dell’area Ocse, nel corso del 2019, hanno registrato una flessione negativa. Il periodo considerato precede quello dell’emergenza sanitaria del Coronavirus. Per questo motivo, per il 2020, ci si attende un taglio delle entrate fiscali decisamente più marcato.

È quanto reso doto dal Revenue Statistics 2020 dell’OECD (l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico).

Entrate fiscali in calo nel 2019

In generale, nel 2019, il rapporto medio tra imposte e Pil è sceso al 33,8% (0,1% rispetto all’anno precedente). E non è tutto.

A causa dell’emergenza sanitaria del coronavirus e delle relative politiche di contenimento adottate dai vari Stati, questa tendenza in negativo dovrebbe essere decisamente più marcata nel 2020.

Se, invece, si confrontano i dati del 2019 con quelli di dieci anni fa, la tassazione media dell’Ocse è aumentata di 2 punti percentuali, passando dal 31,8% al 33,8.

Paesi Ocse

Facendo un confronto con l’anno precedente, i maggiori cali si sono registrati in:

  1. Ungheria (-1,7%);
  2. Islanda (-1,1%);
  3. Belgio e Svezia (entrambi -1%).

Per quanto riguarda, invece, la classifica dei Paesi con la pressione fiscale più alta troviamo:

  1. Danimarca, con il 46,3% e con un aumento di 2 punti percentuali rispetto all’anno precedente;
  2. Francia, ferma al 45,4%;
  3. Svezia e il Belgio, al 42,9%,
  4. Italia e Austria, registrano una tassazione pari al 42,4% del Pil.

La situazione italiana

Infine, entrando nel dettaglio della composizione delle entrate fiscali del nostro Paese:

  • il 25,6% derivano dalle tasse sui redditi personali;
  • il 4,5% dalle imposte sui profitti delle società;
  • il 31% dai contributi previdenziali;
  • il 6,1% dalle tasse sugli immobili;
  • il 14,8% dall’Iva;
  • il 13,9% da altre tasse sui consumi;
  • il 4,1% da altre tipologie di entrate fiscali.

Articoli correlati

Mef, entrate fiscali primi 8 mesi calano a 271,6 miliardi

Contributi pubblici europei: le Entrate chiariscono il trattamento fiscale

Cartelle di pagamento notificate via PEC: sono nulle se l’indirizzo non è pubblico

Argomenti: ,