Ecobonus, cosa cambia nel 2019: rischio taglio detrazione su infissi e domotica

Detrazione infissi a rischio taglio con la modifica all'ecobonus: ecco che cosa cambierà e quali interventi di riqualificazione energetica conviene fare entro fine anno.

di Alessandra De Angelis, pubblicato il
Detrazione infissi a rischio taglio con la modifica all'ecobonus: ecco che cosa cambierà e quali interventi di riqualificazione energetica conviene fare entro fine anno.

L’ecobonus potrebbe subire tagli in seguito a quanto previsto nella bozza di decreto del ministero dello Sviluppo economico che ridimensiona gli incentivi per gli interventi di riqualificazione energetica. A rischio penalizzazione sarebbero soprattutto infissi e domotica. Vediamo più da vicino che cosa potrebbe cambiare.

Leggi anche: Iva sugli infissi, scontata al 10%?

Infissi nuovi: bonus riqualificazione energetica dimezzato?

Per quanto riguarda l’installazione di nuovi infissi, la bozza di decreto prevede una soglia di spesa ammissibile al metro quadro, tutto incluso, di 350 euro per installazioni effettuate nelle zone climatiche A e B e di 450 euro al metro quadro per le zone climatiche restanti C, D, E ed F.
Della spesa fatta, che nelle zone più fredde per l’isolamento può arrivare a mille euro al mq, si può recuperare non più di 350 euro dunque 175 a fronte degli attuali 400 visto che non ci sono massimali. A conti fatti in alcuni casi si potrebbe avere una perdita sull’ecobonus pari al 50%.

Ecobonus: cambiano i dati da mettere in fattura

Novità anche per i pagamenti per poter usufruire della detrazione 65%: non basterà infatti indicare la causale del versamento e i dati del beneficiario (codice fiscale o partita IVA) ma bisognerà necessariamente indicare anche “il numero e la data della fattura” che viene saldata.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Bonus e detrazioni, Detrazione 65